Covid ultime 24h
casi +21.052
deceduti +662
tamponi +194.984
terapie intensive -50

Coronavirus, lo studio: quando c’è doppio danno al polmone, mortalità più alta in terapia intensiva

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 1 Set. 2020 alle 16:36
34
Immagine di copertina
Credits: EPA/SERGEI CHIRIKOV

Coronavirus, con doppio danno al polmone mortalità più alta in terapia intensiva

Un team di scienziati italiani, guidati dal policlinico Sant’Orsola di Bologna, ha analizzato l’elevata mortalità in terapia intensiva tra i pazienti contagiati dal Coronavirus, alla ricerca del meccanismo responsabile di tale fenomeno. Lo studio, pubblicato sul Lancet Respiratory Medicine il 27 agosto scorso, ha dimostrato che il tasso di mortalità tra i ricoverati in terapia intensiva aumenta sensibilmente quando il Covid-19 provoca un doppio danno al polmone, intaccando sia gli alveoli che i capillari polmonari. “Quando il virus danneggia sia gli alveoli che i capillari polmonari muore quasi il 60 per cento dei pazienti – si legge nella ricerca – mentre quando danneggia solo una delle due parti a morire è poco più del 20 per cento dei pazienti”.

Tra i due casi, in termini numerici, c’è dunque una differenza importante. Lo studio dimostra che il Coronavirus, quando intacca sia gli alveoli (le unità del polmone che prendono l’ossigeno e cedono l’anidride carbonica) e sia i capillari (i vasi sanguigni dove avviene lo scambio tra anidride carbonica e ossigeno), è molto più letale. Si tratta, hanno commentato gli autori della ricerca, di “un risultato che avrà importanti implicazioni sia per le cure attualmente disponibili che per i futuri studi su nuovi interventi terapeutici”.

Lo studio è stato condotto su 301 pazienti ricoverati al Sant’Orsola di Bologna, al Policlinico di Modena, all’Ospedale Maggiore, all Niguarda e all’Istituto Clinico Humanitas di Milano, all’Ospedale San Gerardo di Monza e al Gemelli di Roma. Gli scienziati hanno specificato anche che, partendo da questa tesi, è possibile ridurre in qualche modo la mortalità del Covid-19: “Il fenotipo dei pazienti col doppio danno al polmone è facilmente identificabile – si legge – attraverso due parametri: la distendibilità del polmone e un parametro ematochimico, il D-dimero. Il riconoscimento rapido consentirà una precisione diagnostica molto più elevata e un utilizzo delle terapie ancora più efficace e questo potrà portare a “un calo della mortalità fino al 50 per cento”.

Leggi anche: 1. Scuola, trovato l’accordo sui trasporti: approvate le linee guida Tpl. Capienza massima dell’80 per cento / 2. Se hai la febbre non voti. Così però il referendum rischia di essere falsato / 3. Covid, Fontana e Salvini difendono l’operato della Lombardia: “Fatto più del necessario, la storia dirà la verità”

4. “Tutti sapevano”, ma nessuno si è fermato: così la Sardegna è diventata il nuovo focolaio d’Italia / 5. Forza Nuova, Sgarbi, Povia: negazionisti Covid in piazza a Roma. “Contro la dittatura sanitaria” / 6. Lettera di Azzolina al personale della scuola: “Respingiamo le insinuazioni, fieri del lavoro fatto, nessuno come noi in Europa”

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

CORONAVIRUS ULTIME NOTIZIE: TUTTI I NUMERI

34
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.