Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 18:28
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Stop al coprifuoco da lunedì, tutta Italia in zona bianca tranne la Valle D’Aosta: cosa cambia

Immagine di copertina

Stop al coprifuoco dal 21 giugno: cosa cambia

Da lunedì 21 giugno stop al coprifuoco in tutta Italia: le restrizioni alla circolazione notturna attualmente in vigore – tranne che per le Regioni in zona bianca – saranno definitivamente rimosse su tutto il territorio nazionale.

Significa che lunedì prossimo anche in Valle D’Aosta, l’unica Regione che dovrebbe restare in zona gialla dopo il passaggio di Toscana, Calabria, provincia di Bolzano, Campania, Sicilia, Marche e Basilicata in quella bianca, il coprifuoco non sarà in vigore.

Viceversa, anche se – sulla base dei prossimi dati di monitoraggio – una Regione dovesse tornare in una delle fasce più alte di rischio, di notte i residenti potranno circolare senza limiti di orario, fermo restante il rispetto delle altre regole anti-contagio.

Quasi tutta Italia in zona bianca

Da lunedì 21 giugno tutte le Regioni italiane, ad esclusione della Valle D’Aosta, dovrebbero trovarsi in zona bianca, che corrisponde allo scenario di rischio più basso. Per entrarci è necessario aver registrato meno di 50 casi al giorno ogni 100mila abitanti per almeno tre settimane consecutive.

Dal 31 maggio sono entrate in questa fascia Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Molise, il 7 giugno è stata la volta di Liguria, Veneto, Umbria e Abruzzo, il 14 giugno poi sono passate alla zona bianca Lombardia, Lazio, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna e Provincia di Trento. Lunedì prossimo dovrebbe toccare – salvo sorprese – a Toscana, Calabria, provincia di Bolzano, Campania, Sicilia, Marche e Basilicata.

Coprifuoco, bar, ristoranti: le regole in vigore in zona bianca

Quali saranno le regole in vigore nella zona bianca? Rimane l’obbligo della mascherina sia all’aperto sia al chiuso e il divieto di assembramento, mentre nei ristoranti non ci sarà nessun limite alle presenze al tavolo se il locale si trova all’aperto (anche se tra i tavoli si deve rispettare la distanza di un metro). Se il locale è al chiuso, invece, il numero di commensali non potrà superare le sei persone. I locali pubblici potranno osservare orari liberi.

Senza coprifuoco, inoltre, non è necessario rientrare a casa entro una certa ora e si può circolare senza limiti di orario. In ogni caso, dal 21 giugno, il coprifuoco sarà abolito in tutta Italia, e cioè anche nelle fasce più alte di rischio. In zona bianca sarà consentita senza restrizioni anche la vendita di cibi e bevande di asporto e la consegna a domicilio, che deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti.

Per quanto riguarda il divertimento notturno, il Dpcm del 2 marzo che definisce le misure per la zona bianca afferma che “restano sospese le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto e al chiuso”. Di fatto le discoteche potranno aprire ma solo per l’attività di ristorazione e somministrazione, mentre resta vietato ballare in pista.
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vibo Valentia, picchiano un senza tetto e filmano la violenza: denunciati 6 minori
Cronaca / Rissa Fedez-Iovino: il video del pestaggio ripreso dalle telecamere di sorveglianza
Cronaca / Alessandro Impagnatiello in aula a Milano: “Così ho ucciso Giulia Tramontano”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Vibo Valentia, picchiano un senza tetto e filmano la violenza: denunciati 6 minori
Cronaca / Rissa Fedez-Iovino: il video del pestaggio ripreso dalle telecamere di sorveglianza
Cronaca / Alessandro Impagnatiello in aula a Milano: “Così ho ucciso Giulia Tramontano”
Cronaca / Scarcerato il marito dell’influencer Siu. Ma resta indagato per tentato omicidio della moglie
Cronaca / Reggio Calabria, neonata trovata morta fra gli scogli
Cronaca / Benigni bacia il Papa: “Alle elezioni facciamo il campo largo, sulla scheda scrivete Francesco”
Cronaca / Aggredito in casa il giornalista Alberto Dandolo: “Smettila di rompere i cog**oni!”
Cronaca / La morte di Angelo Onorato è un giallo. La moglie: “L’hanno ucciso”. E spunta una lettera
Cronaca / Il marito dell’influencer Siu: “Il sangue zampillava. Non sono stato io, si è ferita da sola”
Cronaca / Allenatore piazza telecamera nascosta nello spogliatoio delle sue giocatrici: squalificato per 6 anni