Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 19:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Controlli dei Nas in tutta Italia, 281 sanitari lavoravano senza vaccino. Sospesi

Immagine di copertina
Credit: Ansa photo

Sono 281 i sanitari scoperti dai carabinieri del Nas che continuavano a svolgere la loro professione nonostante non fossero vaccinati o fossero già stati sospesi. Di questi, 126 non avevano rispettato l’obbligo vaccinale e gli ordini professionali erano già intervenuti con la sospensione.
I controlli, effettuati in tutta Italia, avevano l’obiettivo di individuare chi violava la normativa. Il Consiglio dei ministri ad aprile ha, infatti, stabilito che il personale sanitario ha l’obbligo di vaccinarsi. Chi si oppone non può lavorare a stretto contatto con il pubblico. Ma se la propria professione non lo permette allora scatta la sospensione dal servizio e dalla retribuzione.

Dall’Alto Adige alla Sicilia, le verifiche hanno interessato oltre 1600 strutture pubbliche e private e oltre 4900 posizioni tra medici, odontoiatri, farmacisti, veterinari, infermieri e fisioterapisti. Il personale sanitario già sospeso è stato denunciato per esercizio abusivo della professione. Tra questi, otto i medici di famiglia e pediatri no vax scoperti tra Abruzzo, Sardegna, Campania e Lazio. Tra Roma, Latina e Civita Castella sono oltre 15 i camici bianchi e i farmacisti segnalati dai carabinieri.
Il blitz del Nas ha, poi, interessato anche i dipendenti delle Asl per non aver preso provvedimenti amministrativi e disciplinari nei confronti del personale non vaccinato. I controlli in questo caso sono avvenuti in Calabria, Sicilia, in provincia di Bolzano e in Molise.

Nella relazione illustrativa al Decreto legge in cui sono indicate le sentenze a sostegno dell’obbligo vaccinale per alcune categorie, tra cui i sanitari, si legge che questa scelta “consente di salvaguardare l’operatore rispetto al rischio infettivo professionale, contribuisce a proteggere i pazienti dal contagio in ambiente assistenziale e serve a difendere l’operatività dei servizi sanitari, garantendo la qualità delle prestazione erogate, e contribuisce a perseguire gli obiettivi di sanità pubblica”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Cronaca / Con l’ultimo dpcm, senza Green pass non si potrà nemmeno ritirare la pensione alla posta
Cronaca / Leonardo ci riprova: far passare le armi come icona dello sviluppo sostenibile
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 179.106 casi e 373 morti: tasso di positività al 16%
Cronaca / Con l’ultimo dpcm, senza Green pass non si potrà nemmeno ritirare la pensione alla posta
Cronaca / Leonardo ci riprova: far passare le armi come icona dello sviluppo sostenibile
Cronaca / Covid, Lancet punta il dito contro gli errori dell’Italia a Bergamo: “I lombardi hanno affrontato l’orrore”
Cronaca / Cassazione, su 295 vittime di omicidi volontari, 118 sono donne. “Sconcertante”
Cronaca / Covid, Ricciardi avverte: “Nuova ondata a ottobre, serviranno scelte impopolari”
Cronaca / Bollette, il governo valuta nuove misure per contrastare i rincari record: oggi cabina di regia e consiglio dei ministri
Cronaca / Covid, rallenta la crescita dell’Rt: da 1,54 passa a 1,31
Cronaca / “Negli ospedali solo con il super Green pass”: fa discutere la circolare della regione Puglia
Cronaca / Lettera di minacce al ministro Orlando. Indagini su sostanza all’interno della busta