Covid ultime 24h
casi +10.497
deceduti +603
tamponi +254.070
terapie intensive -57

“Cerchiamo solo coinquilini italiani”: nuovo caso di discriminazione

Di Futura D'Aprile
Pubblicato il 19 Giu. 2019 alle 16:56
0
Immagine di copertina

Coinquilini italiani caso discriminazione – Nuovo episodio di discriminazione nel mondo degli affitti di case. Questa volta a vedersi negata la possibilità di prendere in affitto una stanza è stata una ragazza nera.

A denunciare la vicenda è stata la pagina Facebook “CdM – Il Coinquilino di M….“. I gestori sono stati contattati da un’utente per denunciare “una delle numerose conversazioni che una mia amica, una ragazza di colore, è costretta a fare per aiutare suo fratello a trovare una stanza”.

“Anche lei”, spiega la ragazza che ha raccontato la vicenda, “cerca disperatamente casa, ormai da non so quanti mesi. Nessuno le risponde, e quando rispondono, le dicono il vero motivo”.

Inizialmente la pagina Facebook aveva anche pubblicato gli screenshot di una delle conversazioni citate e in cui era possibile anche leggere la risposta a un annuncio per una stanza singola a Firenze pubblicato sul social.

Quando la persona che contatta l’inserzionista chiede se la stanza è ancora disponibile, la risposta è stat: “Mi dispiace, i miei coinquilini cercano solo italiani”.

Tanti i commenti di solidarietà lasciati dagli utenti sotto il post a sostegno della ragazza discriminata per il colore della pelle.

A causa della presenza di dati sensibili presenti nello screenshot allegato al post di denuncia la pagina Facebook ha dovuto cancellare il messaggio

“L’immagine che accompagnava il testo, uno scambio di messaggi con una persona che lasciava la sua stanza e che affermava che gli altri coinquilini avrebbero accettato solo italiani, conteneva – per nostra svista – alcuni dati sensibili”, scrivono da “CdM – Il Coinquilino di M….“.

“Questo ha fatto partire una serie di pesanti attacchi – anche privati – contro questa persona. Ci dispiace aver cancellato il post, sotto il quale stava nascendo anche una bella e civile discussione, ma vogliamo prima di tutto tutelare le persone”.

“Niente casa in affitto, siete gay”: la denuncia di due ragazzi di Pavia

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.