Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:20
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Politici, virologi e giornalisti nel mirino dei no vax sulle chat Telegram: “Dobbiamo andare a prenderli a casa”

Immagine di copertina

“Dobbiamo andare a prenderli a casa”: le chat Telegram dei no vax

“Dobbiamo andare a prenderli a casa”, “Alla gogna in piazza”: sono solo alcune delle minacce, rivolte a politici, virologi e giornalisti, che si leggono nelle chat Telegram dei no vax e dei no Green Pass.

A svelare il contenuto delle conversazioni della chat “Basta Dittatura”, che su Telegram conta più di 40mila iscritti, è il Fatto Quotidiano.

Bersaglio dei no vax sono soprattutto i politici, a partire dal ministro della Salute Roberto Speranza che, secondo qualcuno, meriterebbe “solo proiettili”.

Anche i virologi Matteo Bassetti e Fabrizio Pregliasco sono tra i “nemici” da colpire secondo i contrari al vaccino anti-Covid e al certificato.

Il numero di Bassetti e anche il suo indirizzo vengono pubblicati con un ordine: “Chiamatelo e registrate le chiamate, non deve più dormire la notte”.

Stesso trattamento riservato a Pregliasco, che al Fatto conferma: “Ricevo chiamate in serie, tre-quattro di fila, su numeri privati. Mi rivolgono minacce di morte, dicono che la pagheremo”.

Nel mirino vi sono anche i “giornalisti più criminali”, anche se a preoccupare è soprattutto il tentativo di uscire dalle chat e dagli insulti via web per passare all’azione.

“Preparare indirizzi delle case delle merde criminali” si legge tra i commenti, mentre qualcuno propone di “impalare viva” l’ex ministra Beatrice Lorenzin.

C’è anche chi suggerisce di colpire l’ex premier Romano Prodi: “È stato lui a dare il via alla fase finale ed è anziano e c’è il rischio che crepi prima di pagare le sue colpe. Mi auguro vivamente di vederlo alla gogna in piazza Maggiore a ricevere sputi in faccia con la forca lì accanto”

Ti potrebbe interessare
Cronaca / La killer della mamma di Donato “Con mollica o senza” confessa: “L’ho uccisa io, ma non per soldi”
Cronaca / Lite tra Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì: la procura apre un'inchiesta
Cronaca / Le prime parole di Roberto Baggio dopo la rapina: “Solo alcuni punti di sutura, ora resta da superare la paura”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / La killer della mamma di Donato “Con mollica o senza” confessa: “L’ho uccisa io, ma non per soldi”
Cronaca / Lite tra Micaela Ramazzotti e Paolo Virzì: la procura apre un'inchiesta
Cronaca / Le prime parole di Roberto Baggio dopo la rapina: “Solo alcuni punti di sutura, ora resta da superare la paura”
Cronaca / No peace no panel: un nuovo standard per la comunicazione in tempo di conflitto
Cronaca / Capisce che il figlio ha stuprato una donna e lo denuncia: il ragazzo stava scappando in Spagna
Cronaca / È morta la nota psicologa Vera Slepoj: stroncata a 70 anni da un malore
Cronaca / Roberto Baggio rapinato nella sua villa durante Italia-Spagna
Cronaca / Lodi, incidente sul lavoro: operaio 18enne muore schiacciato in un incidente
Cronaca / Vaticano, mons. Viganò accusato di scisma: chiese le dimissioni di Papa Francesco
Cronaca / Torino, direttrice del supermercato vieta il bagno alle cassiere