Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 22:30
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Case a un euro al Sud: l’iniziativa promossa dal sindaco di Taranto

Immagine di copertina

Case a un euro al Sud: l’iniziativa promossa dal sindaco di Taranto

Torna il programma “Case a un euro”. Il sindaco di Taranto, per rilanciare la Fase 2, ha approvato l’atto di indirizzo relativo al programma tramite cui sono stati individuati degli immobili nella città vecchia da ripristinare. Gli immobili, di proprietà comunale, sono vuoti da tempo e verranno assegnati ai privati che vorranno candidarsi pagando una cifra simbolica – un euro – a patto che si facciano carico dei costi di ristrutturazione. Come ha spiegato il comune, l’iniziativa rientra tra le misure ideate all’interno di “Ecosistema Taranto”.

“Abbiamo individuato una prima rosa di edifici che verranno messi a bando già nei prossimi giorni, prediligendo quelli più centrali, al fine di far scattare la corsa al ripopolamento e alla valorizzazione del patrimonio anche privato”, ha spiegato l’assessora comunale al Patrimonio Francesca Viggiano, come riporta Repubblica. “Abbiamo notizia di parecchi investitori che stanno acquistando edifici in città vecchia e ciò ci fa ben sperare che nei prossimi mesi più cantieri partiranno nel borgo antico, con sicure ricadute positive anche sotto il profilo socio-economico”.

Case a un euro al Sud: quali sono le regole da rispettare

Il richiamo delle case a un euro ha attirato l’attenzione di tutto il mondo, dagli Stati Uniti alla Russia, e ancora Europa, Cina, Australia: in tanti hanno manifestato interesse per gli immobili di Taranto. “Taranto vuole rinascere e può finalmente farlo”, ha dichiarato il sindaco Melucci. “Nei prossimi giorni renderemo noti maggiori dettagli sugli edifici e sulle procedure di partecipazione già approntate dalla struttura complessa delle politiche abitative e patrimonio”. L’iniziativa dunque è nata per agevolare la riqualificazione e per far ripopolare il centro storico della città.

Quali sono gli obblighi per poter acquistare una casa a un euro? Sarà necessario avere la residenza nell’appartamento acquistato o trasformarlo in una casa vacanze. Le abitazioni non potranno essere rivendute e i lavori di ristrutturazione dovranno partire entro due mesi dalla cessione dell’immobile dal Comune al privato.

Leggi anche:

1. In Sicilia c’è un paese dove le case costano un euro / 2. Vince una casa da mezzo milione di euro alla lotteria: due anni di tempo per trovarla

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 192.320 casi e 380 morti: tasso di positività al 16,3%
Cronaca / Donne e lavoro, la pandemia ha peggiorato la situazione: occupazione al 49%
Cronaca / Scuola, Bianchi: “93,4% delle classi sono in presenza”
Cronaca / Pregliasco a TPI: “Priorità ai vaccinati? È una scelta normale, altrimenti restano a casa i casi gravi”
Cronaca / Venezia, Malkovich in laguna per girare una serie tv: respinto dall’Hotel per il green pass scaduto
Cronaca / Raoul Bova a processo con l’accusa di lesioni e minacce: fece a botte con un automobilista
Cronaca / Meloni positiva al Covid a Natale. Negativa alla ripresa delle attività
Cronaca / Ruby ter, difesa Berlusconi chiede rinvio processo per elezione Quirinale. Giudici accolgono
Cronaca / Vertice del centrosinistra sul Quirinale, Letta: “Nessuna intesa sui nomi, ne parleremo con il centrodestra”
Cronaca / “In passato abitavo ai Parioli e avevo tre Ferrari”. La storia di Alberto che oggi vive per strada