Covid ultime 24h
casi +28.352
deceduti +827
tamponi +222.803
terapie intensive -64

Carola Rackete, la foto segnaletica non autorizzata diffusa sul web: aperta un’inchiesta

Di Francesca Ceccarelli
Pubblicato il 2 Lug. 2019 alle 15:13 Aggiornato il 11 Set. 2019 alle 02:28
0
Immagine di copertina

Carola Rackete foto segnaletica | Ci sono informazioni e testimonianze che non dovrebbero trapelare come la foto segnaletica scattata al comandante della Sea Watch 3, Carola Rackete lo scorso 29 giugno.

L’immagine, circolata sul web nei giorni scorsi, ritrae la comandante della Sea Watch 3, arrestata a Lampedusa dopo aver forzato il blocco navale dell’isola.

Nella foto Rackete è seduta per la procedura della foto segnalamento: al suo fianco un agente di polizia in piedi.

Secondo quanto ricostruito la foto è stata scattata nell’hotspot dell’isola come precisa la giornalista Annalisa Camilli.

Carola Rackete foto segnaletica
Credit: Twitter/ Annalisa Camilli

Il fatto inquietante è che lo scatto sia finito sul sito russo VKontakte e poi ripreso da alcune testate italiane. Il primo a pubblicare lo scatto sul social russo è stato un utente con nome italiano, tale “Giancarmine Bonamassa”:

Il profilo di Bonamassa è da tempo attivo sul web con la produzione di post di estrema destra.

Carola Rackete foto segnaletica | Stop Fake

Stando alle prime analisi non ci sono tracce di falsificazione della foto, tranne per l’eliminazione dei metadati che avrebbe permesso di risalire alla fonte. Sul sito specializzato in bufale del web, Stop Fake scrive:”Le successive foto pubblicate su altri media sono state ritagliate da questa, nella quale si vede chiaramente anche l’operatore di polizia che presumibilmente ha proceduto alle operazioni di foto segnalazione”.

Carola Rackete foto segnaletica | Provvedimenti

“Secondo la legge le foto di persone private della loro libertà sono vietate – come riportato da Wired – dall’articolo 25 del Codice per la protezione dei dati personali, dal provvedimento 179 del 5 giugno 2012 dell’Autorità di garanzia dei dati personali, dal comma 6 bis dell’articolo 114 e dal comma 3 dell’articolo 329 del codice di procedura penale, dall’articolo 8 del codice deontologico dei giornalisti e da una sentenza Cedu 11 gennaio 2005″.

Mentre la questura di Agrigento ha annunciato di aver aperto un’inchiesta interna per accertare cosa sia effettivamente accaduto, il Partito Democratico ha rivolto un’interrogazione parlamentare urgente al ministro Matteo Salvini per avere spiegazioni.

La bufala del padre di Carola Rackete che traffica armi in Africa

Emma Marrone risponde agli insulti ricevuti per aver difeso Carola Rackete

Sea Watch, oggi la decisione del gip sulla capitana Carola

Speronamento della Sea Watch? Le immagini raccontano un’altra storia

L’Ong Mediterranea torna in mare con una nave battente bandiera italiana: “Repressione non ci ferma”

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.