Covid ultime 24h
casi +19.350
deceduti +785
tamponi +182.100
terapie intensive -81

Le auto della polizia a sirene spiegate: l’ultimo saluto al carabiniere ucciso a Roma | VIDEO

L'emozione del cordoglio per la morte di Mario Rega Cerciello

Di Maria Teresa Camarda
Pubblicato il 26 Lug. 2019 alle 15:43 Aggiornato il 26 Lug. 2019 alle 16:51
0

Il saluto della Polizia per il carabiniere ucciso

Il saluto della Polizia per il carabiniere ucciso. Una decina di volanti della Polizia schierate, a sirene spiegate, davanti al Comando generale dei Carabinieri, a Roma: un saluto, l’ultimo saluto, degli agenti a Mario Rega Cerciello, il vice brigadiere dei carabinieri ucciso a coltellate la notte scorsa a Roma nel tentativo di aiutare una donna derubata dal cadere vittima di un’estorsione con il metodo del “cavallo di ritorno”.

“Ancora una volta – ha detto il capo della Polizia, Franco Gabrielli, un uomo delle Istituzioni viene colpito, pagando con la vita il proprio impegno per la tutela della legalità e del vivere civile al servizio delle comunità”.

Un video delle gazzelle della polizia schierate è stato diffuso dal profilo Twitter ufficiale dell’Arma dei Carabinieri. “Un gesto di solidarietà all’Arma – scrivono – che oggi perde uno dei suoi uomini. Un momento pieno di emozione che ci sembra giusto condividere, ringraziando i colleghi della Polizia per il gesto”.

Il comandante generale dei Carabinieri, Giovanni Nistri, è sceso poi a ringraziare uno a uno i poliziotti sopraggiunti davanti al Comando generale dell’Arma.

Il cordoglio su Twitter

Numerosi i tweet di risposta di utenti che hanno manifestato la loro vicinanza e la loro commozione. “Onore a voi! Siamo tutti solidali con le forze dell’ordine e soffriamo per la morte di questo giovane uomo che stava facendo il proprio dovere per difenderci e garantirci la sicurezza, GRAZIE per quello che fate”, scrive un’utente. “Non sono nessuno, ma vi abbraccio forte”, scrive un altro utente di Twitter.

0
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.