Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 00:09
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Capriolo abbandonato dalla mamma perché toccato dall’uomo. “Non fatelo, li condannate a morte”

Immagine di copertina

Cucciolo di capriolo abbandonato dalla mamma perché toccato dall’uomo. L’appello: “Non fatelo, li condannate a morte”

Un cucciolo di capriolo è stato abbandonato dalla mamma. Non è una novità per i veterinari, che spesso e volentieri lanciano lo stesso appello. Il motivo dell’abbandono? Il cucciolo è stato avvicinato da alcune persone e, dopo essere stato toccato, la mamma l’ha abbandonato nel bosco. Il piccolo è stato salvato dagli agenti della polizia municipale di Giaveno (nel Torinese), che hanno recuperato il cucciolo tra i comuni di Giaveno e Valgioie, affidandolo ai veterinari.

Quando un animale selvatico entra in contatto con gli esseri umani, accadono eventi spiacevoli come questo. La madre non torna più dal suo cucciolo e i veterinari, preoccupati, lanciano lo stesso appello: “Gli animali selvatici non si devono toccare”. Come si legge su Facebook, la Commissione Tutela Animali Città di Giaveno ha spiegato: “Per ignoranza un altro animale morirà. Questo cucciolo di capriolo è stato recuperato oggi dagli Agenti della Polizia Municipale di Giaveno e portato al C.A.N.C. di Grugliasco. L’intervento si è reso necessario in quanto il piccolo è stato toccato da persone (i dettagli sono insignificanti) e per questo la madre non lo ha più avvicinato”, hanno spiegato via social, allegando la foto del capriolo.

“Lo abbiamo scritto e detto in tutti i modi”, continuano, “ma evidentemente c’è ancora troppa gente ignorante che va in giro per i boschi senza un minimo di conoscenze ‘etologiche’. A causa dell’ignoranza, e forse dell’egoismo nel voler a tutti i costi accarezzare il “bambi” di disneyana memoria, un altro animale selvatico morirà o nella migliore delle ipotesi finirà in un centro di detenzione, senza poter fare la vita che la natura aveva scelto per lui. I selvatici ringraziano il Coronavirus per aver regalato loro tre mesi di vita ‘normale’”.

Leggi anche:

1. Coronavirus, durante il lockdown in India è riapparso un raro animale | VIDEO / 2. Chernobyl, il curioso caso dell’esplosione della vita animale nelle zone radioattive

Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Ti potrebbe interessare
Cronaca / In centinaia in piazza per Musta, ucciso dall'assessore leghista Adriatici
Cronaca / Vaccini, l'appello di Vito Dell'Aquila: "Fatelo tutti"
Cronaca / 5 morti e 5.140 casi nell'ultimo giorno: crescono ricoveri e terapie intensive
Cronaca / Voghera, convalidati arresti domiciliari per Adriatici, trasferito in un luogo segreto
Cronaca / Sbarchi senza sosta a Lampedusa, oltre 1.400 migranti arrivati in 3 giorni
Cronaca / Voghera, spunta un testimone: "L'assessore ha preso la mira e sparato"
Cronaca / Nelle chat dei vigili di Roma il Green Pass paragonato al nazismo: "Non faremo multe"
Cronaca / “Basta dittatura, libertà!”: manifestazioni in tutta Italia contro le nuove regole sui vaccini
Cronaca / Francia, 160mila in piazza per protestare contro il Green pass
Cronaca / Aggiornamento vaccini anti-Covid: quante dosi sono state consegnate e somministrate in Italia | 24 luglio 2021