Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:21
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Capriolo abbandonato dalla mamma perché toccato dall’uomo. “Non fatelo, li condannate a morte”

Immagine di copertina

Cucciolo di capriolo abbandonato dalla mamma perché toccato dall’uomo. L’appello: “Non fatelo, li condannate a morte”

Un cucciolo di capriolo è stato abbandonato dalla mamma. Non è una novità per i veterinari, che spesso e volentieri lanciano lo stesso appello. Il motivo dell’abbandono? Il cucciolo è stato avvicinato da alcune persone e, dopo essere stato toccato, la mamma l’ha abbandonato nel bosco. Il piccolo è stato salvato dagli agenti della polizia municipale di Giaveno (nel Torinese), che hanno recuperato il cucciolo tra i comuni di Giaveno e Valgioie, affidandolo ai veterinari.

Quando un animale selvatico entra in contatto con gli esseri umani, accadono eventi spiacevoli come questo. La madre non torna più dal suo cucciolo e i veterinari, preoccupati, lanciano lo stesso appello: “Gli animali selvatici non si devono toccare”. Come si legge su Facebook, la Commissione Tutela Animali Città di Giaveno ha spiegato: “Per ignoranza un altro animale morirà. Questo cucciolo di capriolo è stato recuperato oggi dagli Agenti della Polizia Municipale di Giaveno e portato al C.A.N.C. di Grugliasco. L’intervento si è reso necessario in quanto il piccolo è stato toccato da persone (i dettagli sono insignificanti) e per questo la madre non lo ha più avvicinato”, hanno spiegato via social, allegando la foto del capriolo.

“Lo abbiamo scritto e detto in tutti i modi”, continuano, “ma evidentemente c’è ancora troppa gente ignorante che va in giro per i boschi senza un minimo di conoscenze ‘etologiche’. A causa dell’ignoranza, e forse dell’egoismo nel voler a tutti i costi accarezzare il “bambi” di disneyana memoria, un altro animale selvatico morirà o nella migliore delle ipotesi finirà in un centro di detenzione, senza poter fare la vita che la natura aveva scelto per lui. I selvatici ringraziano il Coronavirus per aver regalato loro tre mesi di vita ‘normale’”.

Leggi anche:

1. Coronavirus, durante il lockdown in India è riapparso un raro animale | VIDEO / 2. Chernobyl, il curioso caso dell’esplosione della vita animale nelle zone radioattive

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Saman Abbas, lo zio nega ogni coinvolgimento: “Sono stato incastrato”
Cronaca / Covid, oggi 77.696 casi e 352 morti: il tasso di positività al 15%
Cronaca / Quirinale, la deputata No Vax Sara Cunial tenta di votare ma viene bloccata: “Questa è una dittatura”
Cronaca / Prescrive cure alternative al telefono e il paziente muore: arrestato medico no vax
Cronaca / Oms, Tedros: “Condizioni globali perfette per l’emergere di nuove varianti”
Cronaca / Covid, Figliuolo: “Raggiunto il picco, ora si va in discesa”
Cronaca / Morte Lorenzo Parelli, direttore dell’ispettorato Lavoro a TPI: “L’alternanza scuola-lavoro non può essere un’attività lavorativa dissimulata”
Cronaca / Max Mara, Victoria’s Secret e il nail bar: le spese pazze che hanno portato alla condanna di Renata Polverini
Cronaca / Covid: “Triplicati i ricoveri nei bambini tra i 5 e gli 11 anni”
Cronaca / Costo della vita in Italia, ecco la città più cara e quella più economica: l’indagine