Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Sono davvero calati i contagi in Italia? Come vanno letti i dati degli ultimi giorni

Di Lara Tomasetta
Pubblicato il 24 Mar. 2020 alle 17:05 Aggiornato il 24 Mar. 2020 alle 17:20
69
Immagine di copertina

Coronavirus, calo contagi in Italia? Come vanno letti i dati degli ultimi giorni

Negli ultimi due giorni, in Italia si parla molto della curva dei contagi che comincia a mostrare segni di flessione. L’aumento dei contagi infatti sembra rallentare (erano 3.957 i nuovi casi del 22 marzo), in linea con quanto è stato registrato tra sabato e domenica. È una discesa più lieve di quelle degli ultimi quattro giorni ma se non altro non c’è la temuta inversione del trend. Ma è davvero così? I contagi sono diminuiti? Come vanno letti i numeri degli ultimi giorni?

Fino al 21 marzo, in Italia venivano analizzati circa 25mila tamponi al giorno. Dal 22 questo numero si è abbassato a 17mila. Il 23 marzo il 28% dei tamponi è risultato positivo. Quindi è vero, abbiamo un numero di contagi giornalieri inferiore a quello del 22 e del 21, ma a fronte di un più basso numero di tamponi. Il 22 marzo sono stati fatti 25.179 tamponi, il 23 marzo sono stati fatti 17.067 tamponi.

Cosa vuol dire? Fra il lunedì e il martedì c’è sempre stato un netto calo dei tamponi e oggi sarà un giorno con altrettanti pochi tamponi, comparabile con quello di ieri, o ancora più basso e quindi potrebbe esserci un ulteriore ribasso dei casi. La seconda parte della settimana, nelle ultime due settimane, è stata sempre peggiore della prima parte. Per poter dire che abbiamo superato la fase più acuta, bisognerà quindi aspettare giovedì o venerdì.

Come fa notare Giovanni Forti, analista dati di YouTrend su Fanpage, in Lombardia il 53% dei tamponi ha dato esito positivo. “E questo ci dice due cose: la prima è che proprio in Lombardia è stato fatto un numero estremamente basso di tamponi, il 30% in meno di ieri, il 70% in meno rispetto a l’altro ieri. La seconda, è che se nei prossimi giorni aumentasse di nuovo il numero dei tamponi effettuati, i contagi in Lombardia potrebbero di nuovo crescere rispetto a ieri e oggi. Dati simili li riscontriamo in Emilia-Romagna: anche qui è alto numero di dati positivi su tamponi. 1000 casi positivi su 3200 tamponi circa, sono un rapporto preoccupante. Anche in Piemonte i tamponi sono stati pochi”.

Peraltro, non riscontriamo un calo così marcato come quello dei contagi, è forse lo possiamo leggere come un dato più realistico. Certo, anche in questo caso, che i decessi non si esauriscono ai morti in ospedale, purtroppo. Speriamo che anche questo stia accadendo meno.

Leggi anche: 1. Coronavirus, parla la fidanzata di Rugani della Juve: “Il tampone? Sono venuti a farmelo a casa. Nessuna via preferenziale, il trattamento è uguale per tutti” (di Giulio Gambino) / 2. Lo sfogo di un medico a TPI: “Se la Lombardia non cambia strategia, la gente continuerà a morire”(di Selvaggia Lucarelli)

/ 3. Sileri a TPI: “Sono guarito dal Coronavirus, vi racconto cosa si prova. Oggi fare tanti tamponi” (di Luca Telese)/ 4. Perché in Lombardia si muore? Gli errori di Fontana e altre sette importanti ragioni (di Selvaggia Lucarelli) / 5. Coronavirus, “Bergamo abbandonata a se stessa: c’è il mercato nero delle bombole, ti salvi se un amico ti fa un piacere” (di Franco Bagnasco)

IL NUOVO MODULO PER L’AUTOCERTIFICAZIONE

TUTTE LE NOTIZIE SUL CORONAVIRUS IN ITALIA E NEL MONDO

69
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.