Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:38
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Urbano Cairo insulta la sindaca di Torino: “Appendino? Una deficiente”. Il video rubato

Cairo insulta la sindaca di Torino Appendino: “È una deficiente” | VIDEO

“Quella sindaca lì è una deficiente”: lo ha dichiarato l’imprenditore e presidente del Torino calcio, Urbano Cairo, riferendosi alla prima cittadina del capoluogo piemontese, Chiara Appendino.

Nel corso di una conversazione con alcuni tifosi prima della partita con lo Spezia, che il Torino ha successivamente perso per 4 a 1, Urbano Cairo, editore del Corriere della Sera e proprietario dell’emittente tv La7, senza accorgersi di essere ripreso da un telefonino, ha risposto alle domande dei supporter granata.

In particolare alla domanda di un tifoso sul perché dei ritardi relativi alla realizzazione del centro sportivo Robaldo, Cairo ha risposto dando la colpa al Comune che ha “trovato mille scuse” e insultando Chiara Appendino affermando: “Quella sindaca lì è una deficiente”.

“Io non so se voi avete mai votato Cinque Stelle” ha dichiarato poi Cairo aggiungendo: “Vedrai che appena va via lei abbiamo subito l’autorizzazione”.

La reazione della Appendino al filmato, divenuto in breve tempo virale, non si è fatta attendere. In un post pubblicato sui suoi social, infatti, la sindaca di Torino ha scritto: “Come ho detto ieri, preferisco non rispondere a degli insulti, si commentano da soli. Ciò che mi auguro, da sindaca della Città, è che il Torino possa rimanere in A. Nel merito, come il presidente sa, non sussistono questioni politiche, ma solo tecniche legate all’illuminazione”.

“Si tratta di un video rubato, di una conversazione privata con poche persone. Non ho mai mancato di rispetto a nessuno, se l’ho fatto in questo caso con la sindaca Appendino chiedo scusa” ha invece dichiarato Urbano Cairo interpellato dall’Ansa.

“Riguardo poi al Robaldo, la nostra colpa come ha detto in una intervista il capo di gabinetto della sindaca Luca Palese – aggiunge Cairo – è che abbiamo chiesto di poter realizzare un centro sportivo che richiedeva un investimento maggiore ed era anche più funzionale per la città. Se a causa di questo si è dovuto aspettare cinque anni per realizzare questo centro sportivo, e non c’è ancora l’ok per partire, giudichino i torinesi se questa è una cosa giusta”.

Leggi anche: Il video-messaggio di Urbano Cairo sui recenti risultati pubblicitari di La7 e RCS nonostante il Coronavirus

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 228.179 casi e 434 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Lo studio: “Se tutti gli italiani si fossero vaccinati ci sarebbero stati 1.200 morti in meno”
Cronaca / Sassari, iniettata aria al posto dei vaccini: paura per 20 pazienti
Cronaca / Stretto di Messina, i no pass restano ancora bloccati (e spuntano gli scafisti)
Cronaca / Studentessa Usa denuncia stupro a Roma: “Bloccata per ore in un letto”
Cronaca / Beppe Grillo indagato a Milano per traffico di influenze illecite: nel mirino i contratti pubblicitari con la Moby
Cronaca / Francesca Amadori licenziata per le assenze ingiustificate: “Non lavorava da inizio dicembre”
Cronaca / Green pass, dalle tabaccherie alle librerie: dove è obbligatorio e dove no
Cronaca / Covid, oggi 83.403 casi e 287 morti: tasso di positività al 15,4%
Cronaca / Cani Violenti, un podcast di Piano P che racconta risse, pestaggi, incontri clandestini e lo spazio della ferocia nella provincia italiana