Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 07:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

ESCLUSIVO – “Sono l’ultima persona che ha visto lo sguardo di Borsellino”. Parla il pentito Avola (anticipazione del libro di Michele Santoro)

Il pentito Maurizio Avola ha affidato al giornalista Michele Santoro una serie di rivelazioni contenute nel libro in uscita con Marsilio

 

“Sono l’ultima persona che ha visto lo sguardo di Paolo Borsellino, prima di dare il segnale per fare quella maledetta esplosione”. Sono le parole che il pentito Maurizio Avola ha affidato al giornalista Michele Santoro, e contenute nel libro “Nient’altro che la verità“, in uscita il 29 aprile 2021 con Marsilio.

Il killer di mafia racconta in alcune dichiarazioni, pubblicate in esclusiva in un video online da TPI, i momenti subito precedenti alla strage di via d’Amelio, in cui fu assassinato il magistrato che dava la caccia a Cosa Nostra. Un omicidio a cui Avola rivela di aver partecipato in prima persona.

“Maurizio Avola non è famoso come Tommaso Buscetta e non è un capo come Totò Riina. Ma non è un killer qualsiasi: è il killer perfetto, obbediente, preciso, silenzioso, e proprio per questo indispensabile nei momenti decisivi”, si legge nella sinossi del libro. “Forse sottovalutato dai suoi capi e dagli inquirenti che ne hanno vagliato le testimonianze”, Avola “ha archiviati nella memoria particolari, voci, volti che coprono tre decenni di storia italiana”.

Il pentito ha conosciuto personalmente Matteo Messina Denaro, e col boss di Castelvetrano ha compiuto diverse azioni. È stato questo ad attirare l’interesse di Santoro, anche se – come emerge dal libro – quello che riguarda “l’ultimo padrino” è solo una parte, e non la più rilevante, di quanto Avola può svelare.

A Santoro “Avola affida le tessere del puzzle e le sconvolgenti rivelazioni che emergono” e che hanno al centro “Mafia e antimafia, politica e potere, informazione e depistaggi, vicende personali e derive sociali si intrecciano in un racconto che si muove tra passato e presente, dalla Sicilia degli anni Settanta al paese che siamo diventati”.

Leggi anche: “I Fili dell’Odio”: il documentario di Santoro in anteprima per una settimana su TPI

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Sgarbi:”Per me Berlusconi non sa chi sia Marta Cartabia”
Cronaca / Covid, oggi 188.797 casi e 385 morti: tasso di positività al 17%
Cronaca / È uscito il nuovo numero del settimanale di The Post Internazionale. Da oggi potete acquistare la copia digitale
Cronaca / Oristano, percepivano il reddito di cittadinanza senza averne i requisiti: 60 persone denunciate
Cronaca / Il governo apre alle Regioni: allo studio nuove regole per rendere meno probabile l’accesso alla zona rossa
Cronaca / Melandri si difende: “Sono un free vax, ognuno deve essere libero di scegliere il proprio destino” | VIDEO
Cronaca / Stupro di Capodanno, le intercettazioni shock: “Ce semo divertiti”, “Colpa della famiglia di lei”
Cronaca / Jacobs divorzia dall’agenzia di Fedez: scarsa promozione dell’immagine
Cronaca / Tenta la fuga dalla casa di riposo: 91enne muore dopo essersi calato con le lenzuola dalla stanza
Cronaca / Cassazione: “Rapina aggravata se con mascherina”. Ma il ladro protesta: “Era obbligatoria”