Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 06:04
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Bollettino Covid, accolta la richiesta delle Regioni: esclusi dal conteggio dei ricoveri gli asintomatici

Immagine di copertina
Credit: Ansa foto

L’Ansa rende noto che è stato raggiunto un compromesso tra Regioni e Istituto superiore di sanità riguardo la revisione del bollettino Covid quotidiano. La modifica riguarda i pazienti positivi al virus ma asintomatici che vengono ricoverati in ospedale per cause diverse dal Covid. Questi, pur resteranno ‘casi’ Covid, non saranno conteggiati tra i ricoveri dell’Area Medica Covid. La revisione è prevista dalla nuova circolare del ministero della Salute, che accoglie le richieste delle Regioni in tal senso.

In questi giorni le Regioni avevano chiesto di modificare il bollettino quotidiano distinguendo tra positivi sintomatici e asintomatici. E anche tra contagiati ricoverati con sintomi Covid e degenti positivi ma in cura per disturbi diversi. L’Istituto superiore di sanità non era però d’accordo.

A spingere le Regioni in questa direzione è l’andamento della pandemia, che corre. Tanti i contagi, tante le persone in quarantena e tante le assenze dai luoghi di lavoro. Con la conseguenza che le regole si fanno via via più stringenti. Da lunedì, infatti, tre regioni potrebbero passare in zona arancione. Sono Calabria, Piemonte e Sicilia. Ma altre dieci non sono lontane dai numeri che impongono il passaggio di colore.

L’Iss aveva chiarito che “la definizione di caso deve includere tutti i positivi, non solo chi ha sintomi respiratori, febbre elevata, alterazione del gusto e dell’olfatto. La sintomatologia – aggiunge – è variegata e in evoluzione per via delle varianti. L’infezione spesso per i vaccinati è asintomatica, ma non sorvegliandola si limiterebbe la nostra capacità di identificare le varianti emergenti, le loro caratteristiche, e non potremmo conoscere lo stato clinico che consegue all’infezione per età, stato vaccinale, comorbidità della popolazione. Inoltre non renderebbe possibile monitorare la circolazione del virus nel tempo e, di conseguenza, prevedere i rischi di un impatto peggiorativo sulla capacità di mantenere adeguati livelli di assistenza anche per patologie diverse”.

La risposta quindi era no. Anche perché occorre uniformarsi agli standard europei e l’Ecdc (organismo europeo di controllo delle malattie) non ha cambiato la definizione di caso utilizzata per la sorveglianza delle infezioni da Covid.

Il compromesso

Per Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla Salute, “il bollettino quotidiano deve rimanere, ma abbiamo bisogno di informazioni più accurate, con maggior dettaglio. Il positivo non è un malato. Distinguerli sarà il trend, ma forse farlo oggi è ancora presto. Diamo maggiori indicazioni sulla durata media dei ricoveri. In modo che la loro interpretazione ci aiuti a capire meglio l’andamento della pandemia, senza creare ansia. Concentrarsi esclusivamente sul numero dei casi positivi non è esaustivo”.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Ratzinger, la lettera al suo biografo: “Nel 2013 mi sono dimesso per colpa dell’insonnia”
Cronaca / Le immagini esclusive del luogo dove è morto Stefano Sparti: ecco quello che non torna sul suo suicidio
Cronaca / Mutolo sull’arresto di Matteo Messina Denaro: “Una messa in scena, la trattativa tra Stato e mafia c’è sempre stata”
Cronaca / “Siamo sicuri che Messina Denaro sia un assassino?”: bufera su un tweet di Vittorio Feltri
Cronaca / Dai peluche ai poster del Padrino e di Joker: le immagini del covo di Messina Denaro | VIDEO
Cronaca / Preferisce il carcere ai servizi sociali: “Riportatemi in cella, lì si fatica di meno”
Cronaca / Alfredo Cospito, udienza in Cassazione anticipata a marzo per le condizioni di salute del detenuto
Cronaca / Pisa, coppia litiga in casa: lui esce in bicicletta, le lo segue in auto e lo investe
Cronaca / A scuola di Grandi opere: “Così Venezia insegna il Mose a New York”
Cronaca / Detersivo al posto dell’acqua, cliente muore dopo 8 mesi di agonia: barista accusato di omicidio