Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 22:36
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Bambina di 6 mesi muore mentre fa il bagnetto, la madre stava scrollando Facebook

Immagine di copertina

Una morte per annegamento a causa di un social network. La madre rischia il carcere

Aveva solo sei mesi e stava facendo un normale bagnetto quotidiano. La madre guardava il telefono e la bambina di sei mesi ha smesso di respirare.

Per un pugno di like – Il motivo dell’annegamento? Lei l’aveva lasciata sola nel bagnetto per andare a controllare Facebook. Questa l’ipotesi della polizia che sta indagando su Kayla Lynton, 23 anni. La ragazza è stata arrestata a Tel Aviv, il suo telefonino sequestrato: è stata fatale quella “finestra di dieci minuti” in cui si pensa che Naomi sia annegata, esattamente quando la mamma ha fatto il suo accesso a Facebook.

Le conferme -Suo marito ha confermato che la polizia ha preso il suo telefono e lo sta esaminando. Il suo avvocato, Ofer Bartal, ha riferito che la donna ha cercato di rianimare la figlia di sei mesi. Ora Kayla sta aspettando di sapere se la polizia di Tel Aviv la incriminerà. Il reato più grave di cui potrebbe essere accusata prevede una condanna a nove anni di prigione.

Sensi di colpa – La piccola Naomi è stata ricoverata in ospedale, ma è morta dopo una settimana di coma, riferisce il Mirror. “Kayla è ovviamente devastata e ora sta affrontando l’inchiesta” ha dichiarato una fonte al giornale inglese. Agli investigatori la signora Lynton ha detto di aver lasciato la figlia per andare in bagno. Tuttavia alcuni rapporti della polizia confluiscono sul possibile uso del cellulare.

Quando Facebook ti fa trovare l’assassino – Ci sono dei recenti casi contrari, ovvero dell’uso utile e consapevole di Facebook. per esempio per scovare criminali prima ancora della polizia. Uno degli esempi più recenti è quello di una donna inglese di 57 anni che ha rintracciato su Facebook l’assassino che 40 anni fa uccise suo fratello e la sua ragazza e che se la cavò senza pagare il suo conto con la giustizia. Si tratta della storia di Penny Farmer, ora 57enne, che – come racconta il Manchester Evening News – all’epoca della tragedia era solo un’adolescente cresciuta a Chorlton-cum-Hardy, nel sud di Manchester.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Ti potrebbe interessare
Cronaca / 4.552 nuovi casi e 66 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,6%
Cronaca / Palombelli difende le sue affermazioni sui femminicidi: “Guardare realtà da tutte le angolazioni”
Cronaca / Quando esce The Post Internazionale in edicola, città per città
Cronaca / Positivi al Covid, accompagnano i figli a scuola prima dell’esito del tampone: due classi in quarantena
Cronaca / “Il Covid non esiste”: maestra trevigiana no vax e no mask ricoverata in terapia intensiva
Cronaca / Brunetta: “Adesso basta smart working, con il Green Pass tutti i lavoratori potranno tornare in presenza”
Cronaca / Barbara Palombelli sui femminicidi: “Bisogna chiedersi se le donne hanno avuto comportamenti esasperanti”
Cronaca / Green pass per tutti i lavoratori: multe fino a 1.500 euro e stop allo stipendio per chi non ha la certificazione
Cronaca / Alessandro Barbero contro il Green Pass: "Così la sinistra si piega ai padroni"
Cronaca / Rt ancora in calo in Italia, lieve diminuzione di ricoveri e terapie intensive