Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:41
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Immagine autore
Guida Bardi
Home » Cronaca

Baby gang, anche in Italia lo spaventoso fenomeno dei “Latin Kings”

Immagine di copertina

Si facevano chiamare “Latin Kings”, una delle gang di “latinos” più pericolose e più volte al centro di grosse operazioni di polizia, ma erano soltanto ragazzi di provincia, così violenti da essere diventati il terrore di Abbiategrasso.

Sono 9, minorenni, italiani e tutti maschi, i ragazzi destinatari di ordinanze di custodia cautelare del tribunale per i minorenni di Milano per minacce, lesioni ed estorsione.

Sono considerati dagli investigatori a tutti gli effetti una baby gang: 5 sono ora al carcere minorile Beccaria, gli altri ai domiciliari. I capi però erano di poco più adulti, appena maggiorenni: si tratta di due soggetti indagati dalla stazione dei carabinieri di Abbiategrasso

Almeno 12 gli episodi accertati nel corso di un’indagine durata 5 mesi: alle fermate dei bus o fuori da scuola il gruppo si riuniva, quasi sempre arrivando al numero di 4-6 persone, e minacciava i coetanei per rubare pochi euro, un cellulare o un cappello firmato.

Ci sono però alcuni episodi ancora più gravi: come quando al MacDonald del paese in 4 hanno avvicinato una coppia di 20enni in auto e costretto il ragazzo a scendere per poi prenderlo a pugni.

Un’altra volta in oratorio hanno preso di mira un insegnante e lo hanno minacciato; in un ulteriore caso un adulto li aveva rimproverati perché davano fastidio ad alcuni passanti: lo hanno aspettato fuori dal ristorante e lo hanno preso a pugni fino a rompergli il naso.

Alcuni dei ragazzi arrestati nella giornata di martedì 5 marzo avevano precedenti di polizia anche per furto, estorsione e rapina, e sono cresciuti in contesti difficili; altri appartengono invece a famiglie “per bene”.

A preoccupare gli inquirenti è però quel nome usato: Latin Kings. Il riferimento, lo spaventoso modello, è riferito a una delle gang più diffuse al mondo.

Creata intorno al 1940 a Chicago, la gang dei Latin Kinks aveva come scopo iniziale quello di aiutare i latinoamericani immigrati negli Usa.

I membri – come accaduto nel caso di Abbiategrasso – si riconoscono per l’utilizzo ricorrente dei colori oro e nero nel loro abbigliamento (bandane, camicie, scarpe).

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Anzio, uomo picchia la moglie. La figlia di 10 anni chiama il 112
Cronaca / Il re di TikTok Khaby Lame ha ricevuto la cittadinanza italiana: “Sono molto orgoglioso”
Cronaca / Fanno surf nel Canal Grande, il sindaco di Venezia: "Una cena a chi individua i due imbecilli"
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Anzio, uomo picchia la moglie. La figlia di 10 anni chiama il 112
Cronaca / Il re di TikTok Khaby Lame ha ricevuto la cittadinanza italiana: “Sono molto orgoglioso”
Cronaca / Fanno surf nel Canal Grande, il sindaco di Venezia: "Una cena a chi individua i due imbecilli"
Cronaca / Il ristoratore allega la bolletta della luce al menù: “La pizza a 10 euro? O passo per ladro o chiudo”
Cronaca / Salva la padrona da un dirupo, alla border collie Shiva il premio Fedeltà del Cane
Cronaca / Padre e figlio di 5 anni muoiono in mare: "I suoi tre figli stavano annegando, si è tuffato per salvarli"
Cronaca / Lettera di uno studente 15enne: “L’Italia deve ripartire dai giovani, il centrodestra non lo ha capito”
Cronaca / Pistoia, bambina di sei anni violentata dal vicino di casa. Arrestato pensionato di 69 anni
Cronaca / Vaiolo delle scimmie, “Categorie a rischio nella circolare del Ministero. Così torna lo stigma”
Cronaca / Monza, arrestati i trapper Jordan e Traffik. Hanno rapinato un uomo al grido di “Vogliamo ammazzarti perché nero”