Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 16:49
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

“Il reparto Covid è pieno di no vax. Tanti rischiano la vita, ma non si pentono”

Immagine di copertina

Andrea Gori: “Tanti no vax rischiano la vita, ma non si pentono”

“Tanti no vax rischiano la vita, ma nonostante questo non si pentono”: ad affermarlo è Andrea Gori, direttore del reparto di Malattie infettive al Policlinico di Milano.

Intervistato da Il Corriere della Sera, l’esperto racconta ciò a cui assiste tutti i giorni, confermando che la maggior parte dei ricoverati in ospedale a causa del Covid sono persone non vaccinate.

“Il reparto Covid è pieno, a conferma dell’aumento di contagi che si è verificato nell’ultimo periodo. Oltre il 90% dei ricoverati non è vaccinato ed è una cosa difficile da capire: abbiamo un’arma potentissima per proteggerci e alcuni non la sfruttano” dichiara Gori.

Nonostante il pericolo, però, molti dei ricoverati no vax non si pentono. “Rischiano la vita, ma continuano a sostenere, peraltro senza alcuna motivazione scientificamente valida, la scelta di non vaccinarsi. Sono convinto che il sistema sanitario possa gestire un’eventuale nuova ondata, ma davvero non ce la meritiamo. E il bello è che esistono gli strumenti per evitarla. L’atteggiamento dei no vax non ha giustificazioni”.

Gori, comunque, non estenderebbe l’obbligo di vaccinarsi a tutta la popolazione: “Sono favorevole all’obbligo per chi svolge un lavoro ad alto impatto sociale e a contatto con tante persone. Penso ai medici, tutto il personale sanitario, gli insegnanti”.

Secondo il medico, invece, è fondamentale che i ragazzi tra i 12 e i 17 anni si vaccinino “non tanto per il rischio di malattia grave e morte, che è basso, quanto per limitare la circolazione del virus”.

Sull’eventualità di una terza dose di vaccino, Andrea Gori afferma: “Non abbiamo dati sufficienti per stabilirlo. Dobbiamo studiare la durata dell’immunità indotta dai vaccini, solo allora si potrà prendere una decisione al riguardo. C’è una sola eccezione: nelle persone fortemente immunodepresse (per esempio pazienti oncologici e trapiantati) la terza dose offre un evidente beneficio a livello di risposta protettiva”.

TUTTE LE ULTIME NOTIZIE SUL COVID IN ITALIA E NEL MONDO

TUTTI I NUMERI SUL COVID NEL MONDO

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Frosinone, detenuto spara ad altri tre reclusi: “La pistola arrivata in carcere con un drone”
Cronaca / Vaccini, iniziata la somministrazione della terza dose per soggetti fragili e a rischio
Cronaca / L’Earth Technology Expo a Firenze dal 13 al 16 ottobre
Cronaca / Gkn, accolto il ricorso Fiom: il giudice blocca i licenziamenti per 422 dipendenti
Cronaca / Droga: spaccio a Catania, coinvolti anche bambini di 10 anni
Cronaca / Morte Luana D’Orazio, la perizia della procura: “L’orditoio era stato manomesso”
Cronaca / 3.838 nuovi casi e 26 morti nell'ultimo giorno: tasso di positività all'1,4%
Cronaca / Referendum contro il green pass, parte la raccolta firme
Cronaca / Green Pass all’aeroporto di Roma Fiumicino? I controlli con il QR code sono un miraggio: VIDEO
Cronaca / Bambino di 4 anni caduto dal balcone a Napoli. In un video diceva: “Ti butto giù”