Covid ultime 24h
casi +10.593
deceduti +541
tamponi +257.034
terapie intensive -49

Allarme per l’arrivo in Italia della zanzara coreana: “È pericolosa per l’uomo”

L'insetto, già presente nel nostro Paese dal 2011, ha una diffusione molto rapida ed è in grado di sopravvivere a temperature molto basse

Di Niccolò Di Francesco
Pubblicato il 13 Dic. 2019 alle 09:03 Aggiornato il 13 Dic. 2019 alle 09:42
310
Immagine di copertina

Allarme per arrivo in Italia della zanzara coreana: “È pericolosa per l’uomo”

È allarme per l’arrivo in Italia della zanzara coreana, considerata pericolosa sia per l’uomo che per gli animali.

La Aedes Koreicus, questo il nome delle zanzara coreana, è presente nel nostro Paese già da qualche anno. Il primo avvistamento, infatti, risale al 2011 nella provincia di Bolzano. Tuttavia, secondo gli esperti, l’insetto, che ha una diffusione molto rapida, potrebbe presto diffondersi in maniera esponenziale nel nostro Paese nel corso delle prossime festività natalizie.

In particolare sono 5 le regioni “sotto osservazione”: Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige, Veneto, Lombardia e Liguria.

La zanzara, a differenza della zanzara tigre, è in grado di sopravvivere a temperature molto basse e altitudini maggiori e trova il suo habitat naturale in luoghi umidi dove sono presenti ristagni d’acqua.

A renderla pericolosa sia per gli uomini che per gli animali è il fatto che l’insetto è portatrice del virus dell’encefalite giapponese e della filariosi.

Il consiglio degli esperti è di utilizzare gli stessi rimedi che vengono impiegati durante l’estate. “Usare zanzariere e repellenti, mantenere gli spazi esterni in ordine, tagliando la vegetazione e rimuovendo l’acqua stagnante da sottovasi e secchi” afferma Ester Papa, Technical Manager di Rentokil Italia, azienda che si occupa di disinfestazioni, e che per prima ha lanciato l’allarme sulla rapida diffusione della zanzara coreana.

Leggi anche:

Perché le zanzare pungono alcune persone più di altre

310
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.