Coronavirus:
positivi 13.428
deceduti 34.938
guariti 194.273

Acquapark di Torino, sconto negato a coppia di papà con figli: “Non siete una famiglia”

Di Carmelo Leo
Pubblicato il 25 Giu. 2020 alle 16:16
1.3k
Immagine di copertina

Acquapark Torino, sconto negato a coppia di papà con figli: “No famiglia”

Una coppia di uomini con due bambini di 3 e 6 anni è andata nei giorni scorsi all’Acquapark Blu Paradise di Orbassano, a Torino, per godersi una giornata di spensieratezza, ma si è vista rifiutare lo sconto riservato ai nuclei familiari: “Non siete una famiglia”, si sono sentiti dire i due papà dall’addetto allo sportello del parco. Una frase che ha ferito profondamente la coppia e che è stata giudicata “inaccettabile” dalla Uil Diritti di Torino, sindacato che si occupa di lavoratori lgbtqi.

Quando la coppia omogenitoriale si è presentata alla cassa chiedendo la riduzione del prezzo, come previsto dal regolamento per le famiglie che si recano all’Acquapark di Torino, i responsabili alla cassa si sono rifiutati di applicarlo. La giustificazione, secondo quanto riportato dal sindacato, è stata che in questo modo “in molti potrebbero fingersi una coppia omogenitoriale” e quindi strappare uno sconto a cui non avrebbero diritto. I due papà, inizialmente, hanno cercato di far valere le proprie ragioni, davanti ai due bambini increduli. Poi, hanno preferito andare via, rinunciando quindi all’ingresso al parco acquatico. “La spiegazione degli addetti alla cassa – hanno sottolineato da Uil Diritti – non è stata per niente convincente”: il sindacato, adesso, chiede le scuse della struttura.

Leggi anche:

1. In Medio Oriente è stato bandito un noto videogame perché la protagonista è gay / 2. La storia di Eugenio: “Mio fratello mi ha accoltellato alla gola, perché sono gay” / 3. La Cattolica sceglie Tiziano Ferro come testimonial, l’attacco di Libero: “Un gay per l’ateneo dei preti”

4. Costa Rica, da oggi i matrimoni gay sono legali: la sentenza della Corte Suprema / 5. Out, il corto Disney Pixar introduce per la prima volta un protagonista gay / 6. “Amo le pulizie, sono un gay mancato”: bufera per le parole di Povia

1.3k
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.