Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Cerca
Ultimo aggiornamento ore 20:00
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Stille
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Abusi sessuali su 2 bambini e oltre 9mila video pedopornografici: arrestato 50enne della Torino bene

Immagine di copertina

Un noto professionista torinese è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale, detenzione, produzione e diffusione di materiale pedopornografico. L’uomo, autore di ripetuti abusi sessuali su due bambini e produttore di materiale di pornografia minorile, è stato arrestato dopo una complessa attività d’indagine svolta sotto copertura sul Dark Web dagli investigatori del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni – Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online (Cncpo), coordinata dal sostituto procuratore Eugenio Albamonte della Procura di Roma. L’operazione è stata condotta con la collaborazione del Compartimento Polizia Postale di Torino e grazie alla cooperazione internazionale di polizia con altre Agenzie investigative estere attivata da Europol.

Una storia di pedopornografia definita dagli agenti che l’hanno scoperta “tra le più raccapriccianti”. L’uomo, libero professionista sulla cinquantina, è stato arrestato il 12 aprile dalla polizia postale nell’ambito di una più vasta operazione condotta dalla Procura di Roma che ha scoperto una rete di pedofili. La notizia è stata tenuta segreta sino adesso per poter ampliare il perimetro dell’indagine.

Gli episodi contestati risalgono all’ultimo anno e mezzo, vittime due bambini che all’epoca dei fatti avevano 6 e 8 anni. Avvalendosi delle sue capacità manipolatorie, era riuscito a carpire l’affetto e la totale fiducia dei bambini e, in soli due anni, ha filmato le violenze ai loro danni per un totale di circa 9.000 video. I filmati venivano condivisi nel darkweb. Lui, che si firmava con un nickname, era tra gli utenti più seguiti. Nei video non si copriva il volto, convinto di essere insospettabile. Gli agenti della polizia postale hanno agito sotto copertura, inserendosi nel portale dell’orrore.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Covid, oggi 13.686 casi e 51 morti: tasso di positività al 2,4%
Cronaca / Ciro Grillo e i suoi tre amici andranno a processo per stupro di gruppo: rischiano fino a 12 anni
Cronaca / Covid, Friuli-Venezia Giulia passa in zona gialla da lunedì: Trieste ha l’incidenza più alta d’Italia
Cronaca / Tutto quello che sappiamo sulla nuova variante individuata in Sudafrica | VIDEO
Cronaca / Covid, dal 6 dicembre arriva il green pass rafforzato: ecco cosa cambia
Cronaca / Walter Schiavone, si pente anche il secondo figlio del boss “Sandokan”
Cronaca / Bus turistici: incentivi per andare verso mezzi green
Cronaca / Russia, incidente in una miniera di carbone in Siberia: 52 morti
Cronaca / Il metallaro Pillon a duello con i Maneskin: “Io suonavo roba più dura”
Cronaca / In due settimane triplicate le classi in quarantena in Lombardia. Sono quasi mille