Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 21:38
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Abusi sessuali su 2 bambini e oltre 9mila video pedopornografici: arrestato 50enne della Torino bene

Immagine di copertina

Un noto professionista torinese è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale, detenzione, produzione e diffusione di materiale pedopornografico. L’uomo, autore di ripetuti abusi sessuali su due bambini e produttore di materiale di pornografia minorile, è stato arrestato dopo una complessa attività d’indagine svolta sotto copertura sul Dark Web dagli investigatori del Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni – Centro Nazionale per il Contrasto della Pedopornografia Online (Cncpo), coordinata dal sostituto procuratore Eugenio Albamonte della Procura di Roma. L’operazione è stata condotta con la collaborazione del Compartimento Polizia Postale di Torino e grazie alla cooperazione internazionale di polizia con altre Agenzie investigative estere attivata da Europol.

Una storia di pedopornografia definita dagli agenti che l’hanno scoperta “tra le più raccapriccianti”. L’uomo, libero professionista sulla cinquantina, è stato arrestato il 12 aprile dalla polizia postale nell’ambito di una più vasta operazione condotta dalla Procura di Roma che ha scoperto una rete di pedofili. La notizia è stata tenuta segreta sino adesso per poter ampliare il perimetro dell’indagine.

Gli episodi contestati risalgono all’ultimo anno e mezzo, vittime due bambini che all’epoca dei fatti avevano 6 e 8 anni. Avvalendosi delle sue capacità manipolatorie, era riuscito a carpire l’affetto e la totale fiducia dei bambini e, in soli due anni, ha filmato le violenze ai loro danni per un totale di circa 9.000 video. I filmati venivano condivisi nel darkweb. Lui, che si firmava con un nickname, era tra gli utenti più seguiti. Nei video non si copriva il volto, convinto di essere insospettabile. Gli agenti della polizia postale hanno agito sotto copertura, inserendosi nel portale dell’orrore.

Ti potrebbe interessare
Cronaca / AstraZeneca, l’Aifa approva il mix di vaccini per chi ha meno di 60 anni
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale
Cronaca / Nuovi casi sotto quota mille in Italia: non succedeva da settembre. 36 i morti
Ti potrebbe interessare
Cronaca / AstraZeneca, l’Aifa approva il mix di vaccini per chi ha meno di 60 anni
Cronaca / È morto Livio Caputo, direttore reggente de Il Giornale
Cronaca / Nuovi casi sotto quota mille in Italia: non succedeva da settembre. 36 i morti
Cronaca / Monza, cade dal monopattino e finisce in coma: un passante gli ruba il mezzo e scappa
Cronaca / De Luca dice no al mix di vaccini e si scaglia contro il governo: "Serve chiarezza"
Cronaca / Piacenza, resta impigliata in una pompa agricola: grave una lavoratrice 26enne
Cronaca / Gimbe: “Fino a quando Aifa non modifica i bugiardini, il mix di vaccini non è approvato”
Cronaca / 54enne muore per trombosi a 12 giorni dalla vaccinazione: aperta indagine per omicidio colposo
Cronaca / Milano, caso di variante “delta” in palestra: il contagiato aveva già completato il ciclo vaccinale
Cronaca / L’aggressione alla madre, un Tso e le segnalazioni dei vicini: chi era il killer di Ardea