Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:44
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Cronaca

Il video della 23enne che suona il violino mentre viene operata al cervello

Immagine di copertina
Un frame del video

OPERATA CERVELLO SUONA VIOLINO – Si trovava in sala operatoria per affrontare una delicata operazione al cervello. Ma una volta sdraiatasi sul lettino, una ragazza di 23 anni di Taranto ha imbracciato un violino. E ha iniziato a suonare mentre i dottori lavoravano per rimuovere dal suo cervello una neoplasia cerebrale frontare sinistra a basso grado di malignità.

Il fatto è accaduto all’ospedale SS. Annunziata di Taranto e ha per protagonista una giovane violinista, che ha deciso di stemperare la tensione per il delicato intervento dilettandosi nella sua attività preferita, quella di suonare il suo strumento.

La scesa è stata ripresa da alcuni medici dell’equipe dell’Unità operativa complessa di Neurochirurgia dell’ospedale, guidata dai dottori Giovanni Battista Costella e Nicola Zelletta. Il video ha fatto subito il giro dei social network, commuovendo tutta Italia.

Un violinista in sala operatoria

La ragazza ha suonato il violino per tutto il tempo dell’intervento, durato oltre 5 ore e portato a termine con successo. Per la ragazza di 23 anni, infatti, sono stati evitati danni neurologici durante l’operazione.

“È il primo intervento del genere nel Sud Italia – hanno dichiarato alcuni medici dell’Asl tarantina – e pochissimi altri ne sono stati effettuati nel Paese”. L’intervento, infatti, è stato svolto con la tecnica dell’awake surgery, che permette di operare il cervello di un paziente sveglio, che risponde e interagisce coi medici.

L’awake surgery prevede una sollecitazione costante del paziente e viene apprezzata soprattutto per la possibilità che offre ai medici di monitorare costantemente le condizioni del paziente stesso.

È altrettanto importante, tuttavia, la partecipazione di chi subisce l’intervento. La tecnica dell’awake surgery, infatti, provoca un forte stress nei confronti del paziente. Ognuno di essi, dunque, la affronta come vuole. La ragazza di Taranto ha scelto di portare con sé in sala operatoria la sua passione, il violino. Suonandolo per esorcizzare la paura.

Il video dell’intervento pubblicato dalla pagina Facebook di Pugliapress:

Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Ti potrebbe interessare
Cronaca / Il no vax e no green pass Fabio Tuiach positivo al Covid: “Colpa degli idranti usati dalla polizia”
Cronaca / Covid, oggi 2.535 casi e 30 morti: tasso di positività all'1,1%
Cronaca / Borghese: “Non trovo personale per cucina e sala, i giovani non vogliono più fare gli chef”
Cronaca / Le scuole clandestine dei figli no vax: viaggio in Alto Adige tra i genitori che isolano i figli per ribellarsi al Covid
Cronaca / La raccolta fondi di Cliomakeup e Operation Smile Italia per malformazioni cranio-maxillo-facciali è già sold out
Cronaca / Cannabis terapeutica, Costa: “Presto prodotta anche da privati”
Cronaca / Nasce Kebhouze, la nuova catena di kebab di Gianluca Vacchi
Cronaca / Il 3 dicembre la Convention “Il Mondo Nuovo – La Ripartenza”. La presidente della Fondazione Guido Carli: “Viviamo un nuovo inizio”
Cronaca / No Green pass, manifestante aggredisce una dottoressa sulla metro: colpita da una testata
Cronaca / Migranti, allarme di Alarm Phone: “68 persone in pericolo, molti sono bambini”