Covid ultime 24h
casi +24.991
deceduti +205
tamponi +198.952
terapie intensive +125

“Chiara Ferragni convertita all’Islam”, la provocazione nei manifesti a Torino

Di Clarissa Valia
Pubblicato il 22 Mag. 2020 alle 10:20 Aggiornato il 22 Mag. 2020 alle 14:28
238
Immagine di copertina

“Chiara Ferragni convertita all’Islam”

Chiara Ferragni convertita all’Islam è l’ultima provocazione del Banksy torinese. Lo street artist Andrea Villa ha realizzato centinaia di manifesti che ritraggono la celebre influencer che indossa il velo della tradizione musulmana e in mano un pacchetto dei biscotti Oreo della sua sponsorizzazione. Le vie del centro di Torino sono state tappezzate con i cartelloni di “Chiara Ferragni convertita all’Islam” nella notte tra giovedì 21 e venerdì 22 maggio.

“Siete sicuri di essere realmente liberi?” recita la scritta del poster. “Non siamo una società più libera, siamo solo una società diversa – commenta lo street artist Andrea Villa – Come sarebbe Chiara Ferragni se vivesse in una società musulmana? Come cambierebbe la sua estetica e i suoi messaggi?”.

“Nel mio ultimo lavoro, pongo una domanda allo spettatore: tu pensi che la cultura islamica sia inferiore, poiché limita il ruolo della donna? Ma la libertà non è data solamente dal vestito, ma anche dalla posizione sociale e il ruolo che l’ essere umano ha nel presente. Di questo ne ho parlato con una mia cara amica musulmana – racconta l’artista torinese forse facendo riferimento alla recente conversione all’Islam di Silvia Romano – Le donne occidentali non sono molto più libere di quelle islamiche, poiché devono sottostare ai dettami dell’estetica consumistica. Il velo cela il corpo, quindi viene posta l’ attenzione più sulla personalità della donna che sulla sua presenza fisica. Nel mondo occidentale invece la donna è sempre giudicata per la sua apparenza, e spesso l’involucro non solo appanna la sua natura, ma crea una barriera espressiva, trasformando le donne in oggetti sessualizzati e non più umani, in un rigido canone da rispettare”.

“Nel mondo islamico è probabile che gli uomini si innamorino di te per la tua personalità, e non per il tuo aspetto. Quante volte abbiamo scartato un nostro possibile partner per motivi estetici, perché aveva un fisico o un taglio di capelli che non ci piaceva? – spiega Villa – “Inoltre la donna occidentale spesso deve essere di successo e piacente, come Chiara Ferragni, e deve anche avere molti followers per essere valorizzata. Non si dà importanza al bioritmo di ogni individuo, si prende ad esempio una grande imprenditrice eccezionale, e molte devono sottostare a quei dettami estetici, tramutando l’esistenza delle donne in una gabbia invisibile, fatta di likes e pixel e non di stoffa. Molte donne occidentali devono avere le stesse pose nelle foto o lo stesso trucco e taglio di capelli (come le sorelle Kardashian, per esempio) per riuscire ad avere successo sui social media. Ciò le omologa e le rende tutte uguali, creando lo stesso effetto omogeneo del chador. Un velo invisibile e non percepito, l’altro lato della stessa medaglia”, conclude l’artista.

Leggi anche: Il monologo di Crozza su Leone fa infuriare Fedez e Chiara Ferragni

238
Accesso

Se non ricordi la tua password o in precedenza usavi un account social (Facebook, Google) per accedere, richiedi una nuova password.