Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 20:48
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

Record di attivisti ambientali uccisi nel 2020: morti per difendere il Pianeta

Immagine di copertina
Credit: EPA/ERNESTO GUZMAN JR

Numero record di attivisti ambientali uccisi nel 2020. Secondo il report pubblicato da Global Witness, con l’intensificarsi della crisi climatica, aumenta anche la violenza contro coloro che proteggono la propria terra e il nostro pianeta. Lo scorso anno sono stati assassinati in tutto il mondo 227 attivisti che lottano per l’ambiente, il numero più alto registrato per il secondo anno consecutivo.

Secondo quanto riferito, quasi un terzo degli omicidi è stato collegato allo sfruttamento delle risorse: disboscamento, estrazione mineraria, agroindustria su larga scala, dighe idroelettriche e altre infrastrutture. Il report ha definito le vittime “difensori dell’ambiente” uccisi per proteggere le risorse naturali che devono essere preservate, comprese le foreste, le riserve idriche e gli oceani.

Da quando è stato firmato l’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici nel 2015, l’organizzazione afferma che in media ogni settimana sono stati uccisi quattro attivisti ambientali. Nel 2020, più della metà degli omicidi sono avvenuti in Colombia, Messico e Filippine. Maggiormente colpiti i popoli indigeni, il più delle volte in prima linea nella lotta contro il cambiamento climatico. La Colombia ha registrato il numero più alto di uccisioni: 65 attivisti assassinati lo scorso anno.

Tra gli attivisti assassinati la sudafricana Fikile Ntshangase, 65 anni, coinvolta in una disputa legale sull’estensione di una miniera a cielo aperto gestita da Tendele Coal vicino a Somkhele nella provincia di KwaZulu-Natal. È stata uccisa a colpi di arma da fuoco. La figlia, Malungelo Xhakaza, 31 anni, ha dichiarato: “Fino ad oggi non sono stati effettuati arresti nelle indagini sull’omicidio di mia madre. Non c’è stata alcuna responsabilità. Mi sembra che qualcuno voglia che l’espansione della miniera e l’estrazione vadano avanti, a qualunque costo”. Tra gli ambientalisti uccisi lo scorso anno c’è anche Óscar Eyraud Adams, assassinato in Messico nel settembre 2020. Stava lavorando per aiutare la comunità indigena Kumiai in Baja California ad avere un migliore accesso all’acqua.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ambiente / Crisi climatica: negli ultimi 40 anni sono raddoppiati i giorni con temperature superiori a 50°
Ti potrebbe interessare
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ambiente / Crisi climatica: negli ultimi 40 anni sono raddoppiati i giorni con temperature superiori a 50°
Ambiente / Emergenza rifiuti: “Tra un anno e mezzo le discariche del Sud saranno piene”
Ambiente / L’inquinamento uccide più del fumo, degli incidenti stradali e delle guerre: toglie due anni di vita
Ambiente / Le università di Berlino bandiscono la carne dalla mense: “È una scelta rispettosa per il clima”
Ambiente / L’incoerenza dei fondi green: tra gli investitori ci sono le grandi società inquinanti
Ambiente / Un miliardo di bambini è esposto a rischi “estremamente alti” per la crisi climatica
Ambiente / Allarme rosso per i ghiacciai: sotto i 3.500 metri spariranno entro il 2050
Ambiente / Riciclo creativo: alcune semplici idee per ridurre gli sprechi