Banner donazione
Ultimo aggiornamento ore 18:45
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Salute

La mappa che mostra quanti anni di vita guadagneremmo se rispettassimo i livelli di inquinamento stabiliti dall’OMS

Immagine di copertina
L'inquinamento dell’aria è forse il più grande fattore ambientale di rischio per la salute degli esseri umani, che può causare malattie respiratorie e cardiache, infarto e cancro ai polmoni. Credit: Chicago University

Secondo le Nazioni Unite quasi 4,5 miliardi di persone sono esposte a rischi per la salute dovuti all'inquinamento dell'aria

Questa mappa interattiva mostra quanti anni in più potrebbero vivere gli abitanti di ogni paese del mondo se fossero rispettati gli standard di sicurezza dell’aria stabiliti dall’Organizzazione Mondiale  della Sanità.

L’inquinamento dell’aria è forse il più grande fattore ambientale di rischio per la salute degli esseri umani, che può causare malattie respiratorie e cardiache, infarto e cancro ai polmoni. 

Attualmente, circa 4,5 miliardi di persone in tutto il mondo sono esposte a livelli di inquinamento dell’aria superiore di almeno due volte a quelli considerati sicuri da parte dell’Organizzazione mondiale della sanità.

I dati mostrati in questa mappa sono stati elaborati dall’Università di ChicagoIl problema della qualità dell’aria affligge in particolare i paesi in via di sviluppo.

L’indice della qualità dell’aria, creato dall’istituto per le politiche energetiche dell’Università di Chicago indica nei colori più scuri quei paesi la cui popolazione guadagnerebbe più anni di vita se i governi riuscissero a diminuire i livelli di particolato nell’aria.

La mappa permette anche di visualizzare quanto migliorerebbe la salute della popolazione mondiale in termini di aspettativa di vita se fossero rispettati almeno i livelli imposti dalle autorità nazionali.

I paesi che hanno più da guadagnare in termini di salute dal rispetto degli standard internazionali di qualità dell’aria sono India e Cina.

I cittadini indiani infatti guadagnerebbero ben quattro anni di vita ciascuno se il livello di inquinamento dell’aria fosse pari a quello stabilito dall’Oms.

Anche i cinesi beneficerebbero di politiche maggiormente rispettose dell’ambiente. I cittadini del Dragone infatti potrebbero guadagnare ben tre anni e mezzo se il governo di Pechino rispettasse gli standard internazionali relativi alla qualità dell’aria.

E per quanto riguarda l’Italia? Gli italiani potrebbero guadagnare quasi nove mesi della propria vita se il paese riuscisse a non superare i livelli di particolato nell’aria definiti sicuri dall’Oms.

L’area a maggiore inquinamento in Italia è la pianura padana, la zona più industrializzata del nostro paese e anche quella più a rischio.

Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Ti potrebbe interessare
Costume / La felicità è un’abilità, e come tale si può allenare. Ecco come
Costume / Valentina Ferragni: "Soffro di insulinoresistenza. Più grave del previsto"
Salute / Il sottile confine tra un amore infelice e la Dipendenza Affettiva
Cucina / Roma eletta città più “vegan-friendly” d’Italia
Salute / Cosa sappiamo per certo (e cosa ancora non sappiamo) sul vaccino AstraZeneca
Salute / I danni collaterali del Covid: così il lockdown danneggia l’udito (anche dei giovanissimi)
Salute / Il vaccino Pfizer/BioNTech? È “nato a colazione”. In un mese era pronto
Costume / “Come Meghan Markle ha cambiato il modo in cui parliamo di suicidio”
Milano / Riforma della Sanità lombarda: così i “saggi” di Fontana si spaccano sul rapporto con i privati
Salute / Covid e disturbi dell’udito: è tempo di ascoltare chi non può sentire