Icona app
Leggi TPI direttamente dalla nostra app: facile, veloce e senza pubblicità
Installa
Banner abbonamento
Ultimo aggiornamento ore 19:58
Immagine autore
Lucarelli
Immagine autore
Telese
Immagine autore
Gambino
Immagine autore
Mentana
Immagine autore
Urbinati
Immagine autore
Sabelli Fioretti
Immagine autore
Cavalli
Immagine autore
Antonellis
Immagine autore
Serafini
Immagine autore
Bocca
Immagine autore
Revelli
Immagine autore
Dimassi
Immagine autore
Di Battista
Home » Ambiente

L’inquinamento dell’aria uccide più del fumo, degli incidenti stradali e delle guerre: toglie due anni di vita

Immagine di copertina
India. Credit: EPA/RAJAT GUPTA

Le polveri sottili riducono l’aspettativa di vita globale di 2,2 anni rispetto alla situazione che si avrebbe se fossero rispettate le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità

L’inquinamento dell’aria causa più morti del fumo, degli incidenti automobilistici, dell’Hiv. Le polveri sottili uccidono più del doppio di alcol e droghe e 44 volte più delle guerre e del terrorismo. E in India se si respirasse aria pulita si vivrebbe 9 anni di più. A Milano, invece, si guadagnerebbe quasi un anno di vita. Sono i dati allarmanti dell’Air Quality Life Index (Aqli) il report dall’Energy Policy Institute elaborato dall’Università di Chicago.

Secondo il rapportol’inquinamento atmosferico da particolato (PM10), che è principalmente il risultato della combustione di combustibili fossili, è la forma più mortale di inquinamento atmosferico a livello globale. Riduce l’aspettativa di vita globale di 2,2 anni rispetto alla situazione che si avrebbe se fossero rispettate le linee guida dell’Organizzazione mondiale della sanità”.

grafico inquinamento

“In un anno particolare come quello del Covid appare sempre più evidente l’importanza delle politiche per la riduzione dei combustibili fossili, che contribuiscono sia all’inquinamento che al cambiamento climatico”, afferma il professor Michael Greenstone, creatore dell’Aqli insieme ai colleghi dall’Energy Policy Institute dell’università di Chicago. “Questo indice dimostra i vantaggi che queste politiche potrebbero apportare per migliorare la nostra salute e allungare la nostra vita“.

“Gli eventi dell’anno passato ci ricordano che questo non è un problema che i Paesi in via di sviluppo devono risolvere da soli”, afferma Ken Lee, direttore dell’Aqli. “L’inquinamento atmosferico causato dai combustibili fossili è un problema globale che richiede politiche forti su ogni fronte, anche da parte dei negoziatori mondiali sul clima che si riuniranno nei prossimi mesi”.

Ti potrebbe interessare
Ambiente / WWF, il primo Climate Wall per “metterci la faccia” contro la crisi climatica
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ti potrebbe interessare
Ambiente / WWF, il primo Climate Wall per “metterci la faccia” contro la crisi climatica
Ambiente / Clima, l’appello di Draghi ai leader mondiali: “Bisogna agire subito, non c’è più tempo”
Ambiente / Mattanza di delfini alle isole Faroe per la tradizionale caccia Grindadrap
Ambiente / Crisi climatica: negli ultimi 40 anni sono raddoppiati i giorni con temperature superiori a 50°
Ambiente / Record di attivisti ambientali uccisi nel 2020: morti per difendere il Pianeta
Ambiente / Emergenza rifiuti: “Tra un anno e mezzo le discariche del Sud saranno piene”
Ambiente / Le università di Berlino bandiscono la carne dalla mense: “È una scelta rispettosa per il clima”
Ambiente / L’incoerenza dei fondi green: tra gli investitori ci sono le grandi società inquinanti
Ambiente / Un miliardo di bambini è esposto a rischi “estremamente alti” per la crisi climatica
Ambiente / Allarme rosso per i ghiacciai: sotto i 3.500 metri spariranno entro il 2050