Me

Egitto, l’accusa di Erdogan: “Morsi è stato ucciso”

Immagine di copertina

Erdogan Morsi ucciso – La morte dell’ex presidente egiziano Mohammed Morsi, avvenuta il 17 giugno 2019, continua a far discutere.

Il primo a esprimersi sul decesso dell’esponente dei Fratelli Musulmani era stato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che aveva definito Morsi un “martire”, chiamandolo “fratello” e porgendo le condoglianze alla famiglia dell’ex leader e al popolo egiziano.

Egitto, lo scenario dopo la morte di Morsi: “Non escludo attacchi terroristici”, parla un’attivista

Oggi però sono giunte parole ancora più dure dal capo di Stato turco, secondo cui Morsi, morto dopo essere stato colto da un malore in un’aula di tribunale al Cairo, è stato ucciso.

“Morsi è stato ucciso, non è morto per cause naturali”, ha affermato Erdogan in un discorso televisivo.

Parole che riflettono quanto già denunciato dalla famiglia dell’ex presidente e dai Fratelli Musulmani, che avevano denunciato le condizioni in cui Morsi era tenuto in carcere e sollevato preoccupazioni per la sua salute e il tempo trascorso in isolamento, lontano dalle visite di avvocati e familiari.

Egitto, la famiglia di Morsi: “Gli hanno negato le cure e i funerali pubblici”

Anche l’emiro del Qatar si era espresso sulla morte dell’ex leader egiziano, anche se con toni ben più pacati rispetto a quelli usati dal presidente turco.

Sheikh Tamim bin Hamad al Thani, ha porto le condoglianze alla famiglia di Morsi e al popolo egiziano, scrivendo sul suo profilo Twitter: “Abbiamo ricevuto con grande dispiacere la notizia della morte improvvisa dell’ex presidente Mohammed Morsi e porgo le mie più sentite condoglianze alla sua famiglia e al popolo egiziano, apparteniamo a Dio e a lui torneremo”.

Le implicazioni della morte

Morsi, come detto, è deceduto mentre si trovava in un aula di tribunale. L’ex presidente era sotto processo da anni e aveva ricevuto diverse condanne, tra cui una a morte nel 2015 con l’accusa di aver fatto evadere dal carcere i vertici dei Fratelli Musulmani nel 2011.

Tra le accuse a sue carico c’erano anche evasione, incitamento alla rivolta, nonché spionaggio a favore di Iran, Qatar e dei gruppi armati di Hamas e Hezbollah.

La sua morte, come dimostrano le reazioni di Erdogan e al Thani, ha avuto una grande risonanza anche in Medio Oriente e ha rinnovato lo scontro tra Turchia, Qatar ed Egitto.