Me

Calanna, il Comune calabrase in cui Casapound ha vinto alle europee

Immagine di copertina

Calanna Casapound | Il Comune calabrese in cui il partito di estrema destra è arrivato primo alle europee

Calanna Casapound – Le elezioni europee non sono andate bene per Casapound. Il partito di estrema destra di matrice neo-fascista ha raccolto complessivamente poco più di 88mila e 700 voti in Italia, pari allo 0,33 per cento del totale. Un risultato inferiore rispetto ad altri movimenti minoritari, come il Partito animalista (0,60 per cento) o il Popolo della Famiglia (0,43 per cento) [qui i risultati definitivi in Italia].

Ma c’è un Comune in provincia di Reggio Calabria in cui Casapound è stato il partito più votato in assoluto. A Calanna il movimento fondato nel 2003 da Gianluca Iannone ha ottenuto infatti il 32,7 per cento dei consensi, circa il doppio di quelli registrati dal Partito democratico e da Lega.

Calanna è un piccolo Comune che conta appena 900 abitanti. Il sindaco, Domenico Romeo, in carica dal 2017, è un civico di centrodestra. Qui, alle europee, Casapound è stata votata da 98 dei 326 elettori che si sono presentati alle urne.

A trainare il partito è stato l’ex sindaco del paese, Luigi Catalano, candidato nella circoscrizione Sud, che ha ricevuto 95 preferenze ma che, complice il risultato negativo del movimento a livello nazionale, ha fallito l’elezione al Parlamento europeo [tutti i candidati di Casapound alle europee].

A Calanna il Partito democratico ha preso il 15,6 per cento (47 voti), la Lega il 12,6 per cento (38 voti) e il Movimento Cinque Stelle il 12 per cento (35 voti).

 

Europee 2019: entrambi i Mussolini esclusi dal Parlamento

Come è andato il voto ad Anagni, dove al ballottaggio c’era CasaPound

Elezioni europee 2019: tutti gli sconfitti ‘eccellenti’ da Daniela Santanché a Emma Bonino

Chi sono gli italiani eletti Parlamento europeo