Me

In Italia servono meccanici ma “i genitori vogliono i figli avvocati o medici”

Immagine di copertina

auto non si trovano meccanici | Meccanici cercasi disperatamente. È l’appello lanciato da Franco Fenoglio, presidente di ItalScania e UNRAE (Unione nazionale rappresentanti autoveicoli esteri), che, in occasione di Autopromotec, fiera delle attrezzature e dell’aftermarket automobilistico in programma a Bologna dal 22 al 26 maggio, ha dichiarato che “Nei prossimi cinque anni serviranno cinquemila meccanici automobilistici in Italia, ma le aziende non riescono a trovarli”.

Nonostante il settore sia in crescita, con 83.231 imprese attive in Italia nell’autoriparazione, che arrivano sino a 117.575 se si considera l’intero comparto della rete di assistenza, con un aumento dello 0,3% rispetto all’anno scorso, le aziende faticano a trovare personale da assumere.

Secondo Franco Fenoglio il problema è principalmente culturale. A suo dire, infatti, sono “I genitori dei ragazzi che vogliono vederli dottori, avvocati o amministratori delegati, ritenendo meno dignitoso il nostro mestiere, sempre più considerato nella nostra società come un lavoro “sporco” o poco nobile”.

“Queste persone – continua Fenoglio – non si rendono conto che i tempi sono cambiati e che oggi ormai si lavora in officine 4.0. in cui si utilizzano degli strumenti e dei sistemi di diagnostica tecnologicamente avanzatissimi”.

“Non cerchiamo semplice manovalanza, ma giovani operai scolarizzati e specializzati, ragazzi e ragazze che sappiano in futuro interagire con i più sofisticati sistemi dei veicoli, visto che ora si pensa anche alla guida autonoma”.

Auto a guida autonoma: 5 novità che cambieranno il nostro modo di viaggiare