Me

Sciopero 8 marzo 2019: grossi disagi oggi a Roma, nel trasporto pubblico e non solo. Tutte le informazioni

Immagine di copertina

SCIOPERO 8 MARZO 2019 ROMA – AGGIORNAMENTO 8 MARZO – Oggi, venerdì 8 marzo 2019, nel giorno della festa della donna tutta Italia è interessata da uno sciopero generale, che parte dal settore dei trasporti pubblici per arrivare ad altre aree della società, dalla sanità alla scuola, passando per il trasporto aereo.

Tanti i pendolari che questa mattina, dunque, dovranno avere a che fare con grossi disagi per recarsi al lavoro o comunque per spostarsi nelle grandi città. Ne sa qualcosa Roma, dove centinaia di migliaia di persone che usualmente prendono la metro, i bus o gli altri mezzi pubblici dovranno studiare un percorso alternativo. Senza dimenticare che anche la circolazione stradale, per effetto dello sciopero, sarà congestionata visto che in tanti useranno la propria automobile per spostarsi.

Nella Capitale, dunque, sono previsti molti problemi sia sulla rete Atac, che sul trasporto pubblico locale Tpl Cotral. Di seguito troverete tutte le informazioni sullo sciopero di venerdì 8 marzo 2019 a Roma.

Sciopero 8 marzo 2019 Roma | Tutte le informazioni

L’8 marzo 2019, in concomitanza con le manifestazioni per la festa della donna, la città di Roma sarà interessata dal preannunciato sciopero di 24 ore che riguarderà non soltanto il trasporto pubblico, ma anche la scuola, sanità e il servizio di raccolta dei rifiuti.

Quello dell’8 marzo si preannuncia dunque un venerdì molto difficile per chi vive nella Capitale.

LEGGI ANCHE: Tutte le informazioni sullo sciopero generale dell’8 marzo 2019

Lo sciopero è stato proclamato dalle Organizzazioni Sindacali USI (Unione Sindacale Italiala), COBAS (Confederazione dei Comitati di Base) e UBS (Unione Sindacale di Base); a queste, si uniscono Fp e Flc Cgil di Roma e Lazio.

Sciopero 8 marzo 2019 Roma | I trasporti

Nell’arco della giornata di venerdì 8 marzo, è stato indetto uno sciopero di 24 ore che coinvolge la rete Atac: ci saranno disagi per l’intera giornata riguardo linee bus, filobus, tram, metropolitane e ferrovie che collegano Roma-Lido, Termini-Centocelle e Roma-Civitacastellana-Viterbo.

Dalle 8:30 fino alle 17 sarà difficile muoversi in città. Dalle 17 alle ore 20, il servizio sarà riattivato per poi fermarsi dalle 20:00 fino a termine servizio.

LEGGI ANCHE: I disagi dello sciopero dell’8 marzo 2019 anche a Milano

Le proteste riguarderanno anche i bus periferici della Roma Tpl, con scioperi di 24 e 4 ore (nella fascia oraria 8:30 – 12:30), e le corse Cotral, che si asterranno dal servizio dalle ore 8:30 alle 17:00 e poi dalle 20:00 fino a termine servizio.

Infine, alcune sigle sindacali autonome hanno proclamato lo sciopero nazionale dei dipendenti del Gruppo Fs italiane, motivo per il quale potranno essersi disagi anche per i treni, dalla mezzanotte dell’8 marzo alle ore 21:00.

Sciopero 8 marzo 2019 Roma | Operatori Ama

Lo sciopero dell’8 marzo non riguarda soltanto i trasporti pubblici, ma anche gli operatori di Ama (con la Federazione Lavoratori Funzione Pubblica CGIL di Roma e del Lazio). L’azienda addetta alla raccolta rifiuti ha tenuto a specificare che verranno assicurati i servizi minimi essenziali come la raccolta di pile, farmaci e siringhe abbandonate, pulizia mercati, la raccolta rifiuti da case di cura, ospedali e caserme e il pronto intervento a ciclo continuo.

LEGGI ANCHE: Tutto quello che c’è da sapere sulle manifestazioni in Italia l’8 marzo 2019

Sciopero 8 marzo 2019 Roma | Scuola e sanità

Anche gli insegnanti hanno deciso di aderire al gran fermento dell’8 marzo: lavoratori e lavoratrici a tempo determinato e indeterminato incroceranno le braccia; infatti, in alcuni asili della capitale sono già comparsi cartelli informativi in cui hanno annunciato i possibili disagi e la chiusura delle strutture.

LEGGI ANCHE: Lo sciopero generale dell’8 marzo 2019 riguarda anche i treni

Stessa cosa per i medici: l’Associazione Sindacale COBAS Sanità, Università e Ricerca – Settore Lavoro Pubblico ha annunciato lo sciopero generale del personale del Servizio Sanitario Nazionale, al quale si farà fronte con la garanzia del funzionamento di quei servizi pubblici indispensabili.