Me

L’esercito del Gabon ha dichiarato un colpo di stato per “ripristinare la democrazia”

Immagine di copertina

L’esercito del Gabon ha dichiarato un colpo di stato per “ripristinare la democrazia”. I soldati del Gabon hanno annunciato il rovesciamento del governo del presidente Ali Bongo, sequestrando la  radio di stato. Attualmente il presidente si trova in Marocco, dopo aver subito un infarto.

A poche ore dal tentato golpe, il governo del Gabon ha riferito che la “situazione è sotto controllo” e che i ribelli che hanno tentato un colpo di Stato sono stati arrestati o sono in fuga. “La calma è tornata, la situazione è sotto controllo”, ha affermato il portavoce dell’esecutivo, Guy-Bertrand Mapangou.

Dei cinque militari che avevano preso il controllo della radiotelevisione nazionale, “quattro sono stati arrestati e uno è in fuga”.

L’Unione africana ha “condannato fermamente” il tentato colpo di Stato militare in Gabon. “Riaffermo la totale opposizione dell’Ua verso tutti i cambi di potere incostituzionali”, ha sottolineato su Twitter il segretario dell’organizzazione panafricana, Moussa Faki.

Il tentativo di colpo di stato

Un gruppo di militari aveva letto un messaggio alla radio pubblica annunciando la creazione di un “Consiglio nazionale di restaurazione” e si erano sentiti spari vicino la sede della Radiotelevisione del Gabon, nel centro di Libreville.

Il discorso di Capodanno di Bongo “ha rafforzato i dubbi sulla capacità del presidente di continuare a svolgere le responsabilità del suo ufficio”, ha detto Lieut Kelly Ondo Obiang, ufficiale della Guardia Repubblicana e leader del movimento patriottico di le forze di difesa e sicurezza del Gabon.

Un video che circola sui social media ritrae Ondo Obiang in uno studio radiofonico, con una tuta militare e un berretto verde mentre legge la dichiarazione, che è stata trasmessa alle 4.30 circa ora locale. Due soldati con i fucili d’assalto stanno dietro di lui.

Ondo Obiang ha detto che il colpo di stato è stato portato avanti “per ripristinare la democrazia” e per cacciare “coloro che, in modo codardo, hanno assassinato i nostri giovani compatrioti nella notte del 31 agosto 2016”, riferendosi alle violenze scoppiate dopo le elezioni vinte da Bongo.

La situazione politica in Gabon

La famiglia Bongo ha governato il paese produttore di petrolio per quasi mezzo secolo. Bongo è presidente da quando è succeduto a suo padre, Omar, che è morto nel 2009. La sua rielezione nel 2016 è stata segnata da accuse di frodi e violente proteste.

Bongo ha vinto la rielezione nel 2016 con un margine di meno di 6.000 voti, scatenando scontri tra i manifestanti e la polizia durante i quali il parlamento è stato bruciato.

L’Unione europea ha dichiarato di aver riscontrato anomalie durante le elezioni nella provincia di Bongo, nell’Haut-Ogooué, dove ha vinto il 95% dei voti con un’affluenza al 99,9%.

Intanto 80 membri del personale militare statunitense sono dispiegati in Gabon in risposta alla possibilità di manifestazioni violente nella Repubblica Democratica del Congo, dove le autorità hanno ritardato la pubblicazione dei risultati delle elezioni del 30 dicembre.