Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

“Non c’è posto per voi”: ragazzi down cacciati dal ristorante. Una mamma si sfoga su Facebook

Un gruppo di ragazzi con la sindrome di down è stato allontanato da un locale di Torino

Immagine di copertina
Il gruppo dei ragazzi cacciati dal ristorante. Credit Facebook

Ragazzi down allontanati da un ristorante a Torino.

“Che amarezza!”.  È questo l’attacco del post su Facebook di una mamma, Anna Rita, che denuncia l’episodio che ha vissuto in un ristorante di Torino, da dove è stata cacciata insieme con il figlio e altri ragazzi con la sindrome di Down.

Il post

Secondo il racconto della donna, c’era stata una prenotazione per i ragazzi down nel ristorante, un ordine per undici persone per le 20:15. “Avevamo segnalato il nostro unico problema- spiega la mamma- la celiachia di uno dei ragazzi. Era tutto ok. Quando siamo arrivati è però accaduto il fattaccio”.

C’erano solo due clienti al momento dell’arrivo del gruppo e il tavolo era pronto. Il post di Anna Rita continua con i dettagli: “I ragazzi, affamatissimi, si sono accomodati uno vicino all’altro e stavano già preparando le posate, ma il titolare o chi per lui, un tizio con la barba, si è avvicinato a me a ad un’altra mamma e ci ha detto, in maniera molto scortese, che dovevamo avvertire della presenza di 4 disabili perché il locale era piccolo, il sabato sera era pieno e loro non sapevano come gestirli. Una cosa che in tanti anni non mi era mai successa e che ci ha provocato un’amarezza incredibile”.

Le scuse

Le critiche social hanno ricevuto migliaia di ‘Like’ e condivisioni e forse anche per questo la storia sembra essersi conclusa con una bandiera bianca.

Il titolare del locale ha contattata la mamma per scusarsi con lei e con i ragazzi. È stato anche annunciato un incontro ‘riparatore’. “Le sue scuse ci sono sembrate sincere – scrive Anna Rita nell’aggiornamento del post – le ho lette ai ragazzi e loro sono molto soddisfatti delle sue parole”.

Tutto è bene quel che finisce bene.