Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Calabresi a Di Maio: “Avete querelato mio padre Luigi, morto 46 anni fa”

A Di Martedì, su La7, il faccia a faccia tra il direttore di Repubblica e il capo politico del Movimento 5 stelle

Immagine di copertina
Calabresi e Di Maio a Di Martedì

Mario Calabresi e Luigi Di Maio. Lo scontro è andato in onda su Di Martedì, su La7, durante la puntata del programma di Giovanni Floris. E tra i vari colpi sferrati reciprocamente in tv ce n’è uno in particolare che ha attirato l’attenzione dei telespettatori.

Mario Calabresi, direttore di Repubblica, parla delle campagne d’odio che, a suo avviso, il Movimento 5 stelle sta portando avanti contro la stampa. “Lei”, dice a Di Maio, “ha parlato di una delle querele che mi ha fatto”. Ma le querele sono più di una. “Ne abbiamo un paio in corso. E tre ne ho con Casaleggio”.

Il problema, però, “è che avete fatto causa a un signore che si chiama Luigi Calabresi, mio padre”. Ma Luigi Calabresi “non c’è più da quaranta e rotti anni”. E questo errore, secondo il direttore di Repubblica, “dà l’idea dell’approssimazione con cui fate le cose”.

Calabresi e Di Maio, confronto – scontro a Di Martedì

Nello studio di Giovanni Floris Calabresi e Di Maio non si sono risparmiati. Al centro dello scontro il tema della libertà di stampa: “Un dato fondamentale” attacca il direttore di Repubblica “è che i governi non mettano il naso in quello che fanno i giornali”.

Ed è qui che il vicepremier esplode: “La libertà di stampa” replica “non è la libertà di dire bugie”. Ed entra nel merito della crisi dell’editoria in maniera ironica: rispondendo a precisa domanda provocatoria di Calabresi – “Vorrebbe Casaleggio alla guida di Repubblica?” – risponde: “No. Quelli sono giornali ch non vendono”.

Chi era Luigi Calabresi, padre del direttore di Repubblica

Luigi Calabresi, commissario di polizia, venne assassinato a Milano la mattina del 17 maggio 1972 mentre si stava recando in ufficio. Erano gli anni del terrorismo. A ucciderlo un commando composto da due sicari che lo colpirono alle spalle. Lasciò la moglie, Gemma Capra, e due figli: Mario, attuale direttore di Repubblica, e Paolo. Pochi mesi dopo la sua morte nascerà il terzo figlio: Luigi. La moglie, infatti, al momento della morte di Luigi Calabresi era incinta.