Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Dà da mangiare a un cane randagio che ha appena partorito: poliziotta picchiata da una 65enne

La vittima è stata anche rimproverata per il gesto da un consigliere comunale

Immagine di copertina

Un gesto di solidarietà punito amaramente. È successo a Pedara, in provincia di Catania, dove una poliziotta del posto è stata pestata da una donna per aver dato da mangiare a un cane randagio che aveva appena partorito i suoi cuccioli.

La vicenda

Lunedì 19 novembre 2018 un’agente di polizia, in via Dante, è stata presa a calci e pugni da un’anziana di 65 anni. Il motivo: aver aiutato l’animale. Accompagnata al pronto soccorso da una collega subito dopo l’aggressione, la donna ha ricevuto 15 giorni di prognosi.

La denuncia

L’episodio è stato denunciato dal Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali, che ha condannato quanto successo: “Un fatto inaccettabile e vergognoso, da punire nelle sedi giudiziarie competenti. Siamo vicini alla poliziotta e vogliamo offrirle tutto il supporto necessario”.

Il Noita ha poi aggiunto: “Chiederemo al sindaco di Pedara, comune noto a tutti per gli innumerevoli randagi presenti sul territorio, cosa sta facendo per fermare l’annoso fenomeno del randagismo e contestualmente chiederemo all’Assessorato Regionale competente di intervenire con la propria Asl veterinaria”.

La beffa

Ma la poliziotta, dopo essere stata aggredita, è stata anche rimproverata da un membro del consiglio comunale di Pedara. L’anziana, infatti, è una familiare di un rappresentante dell’amministrazione comunale.

Lo scontro tra le due donne, comunque, ha acceso un dibattito tra gli animalisti e i residenti del paesino siculo.

Cos’è il randagismo

È randagio qualsiasi animale normalmente considerato da compagnia che vive per proprio conto, a prescindere dal fatto che sia stato abbandonato o sia nato già in condizioni di randagismo.

Poiché tale fenomeno comporta anche problemi di sicurezza e di igiene pubblica, esso è regolato da diverse leggi e controllato da apposite istituzioni. In Italia, sull’argomento, è stata emanata la legge n. 281 del 1991.