Me

Ristoranti Roma Centro Storico: i nostri consigli

Dove mangiare al centro di Roma: i locali tipici e non turistici a Trastevere, Pantheon, Ghetto ebraico, Piazza Vittorio e Testaccio

Immagine di copertina
Il Pantheon

Ristoranti Roma Centro Storico | Dove mangiare: i locali tipici, buoni e non turistici a Trastevere, Pantheon, Ghetto ebraico, Piazza Vittorio e Testaccio | Orari, indirizzi, prezzi, menu e piatto consigliato

In questo articolo abbiamo selezionato cinque ristoranti del centro di Roma seguendo alcuni criteri come la genuinità dei prodotti, la qualità della cucina, la pulizia del locale e la cortesia nei confronti dei clienti.

All’interno di questo elenco abbiamo inserito varie tipologie di locali, da quelli più tipici, legati alla tradizione gastronomica romana, ad altri che seguono nuove tendenze culinarie passando per i ristoranti di cucina etnica.

Come detto, tutti questi ristoranti si trovano al centro di Roma, quindi nel territorio delimitato dalle mura aureliane.

Ristoranti Roma Centro Storico | Trastevere

Checco er Carettiere

Nella splendida cornice di Trastevere, uno dei rioni più belli e caratteristici di Roma, si distingue Checco er Carettiere, un ristorante dove tradizione e cultura del cibo si uniscono in un ambiente schietto e famigliare.

In questo locale tre generazioni si sono tramandate le specialità culinarie tipiche della cucina romana che è possibile ritrovare e gustare nei piatti che vengono serviti.

Quella di “Checco” è una cucina che viene definita “povera”, ma che racchiude una miriade di sapori, che nell’epoca papalina sfamava intere famiglie dei ceti più popolari che veniva caratterizzata dal cosiddetto “quinto quarto”, l’equivalente delle parti meno pregiate dell’animale, come le interiora, la trippa, la paiata e la coda.

Piatti poveri che per poter essere gustati a dovere necessitano di una preparazione lunga e laboriosa.

Una prassi che oggi sta scomparendo e che da Checco si conserva gelosamente per il cliente romano, maggior consumatore di queste specialità, ma anche per quel turista non “mordi e fuggi” che sceglie Roma da quarant’anni per la sua storia, la sua arte e i suoi indimenticabili sapori che puntualmente trova in questo locale di via Benedetta 10, dove il tempo sembra essersi fermato.

INDIRIZZO Via Benedetta, 10 – Roma – tel.: 06 5817018, 06 5800985

ORARI dal lunedì alla domenica 12:00 – 15:00 | 19:30 – 24:00

TPI consiglia: Coda alla vaccinara

Ristoranti Roma Centro Storico | Pantheon

Armando al Pantheon

Nel 1961 Armando Gargioli rileva un vecchio ristorante in declino dalle parti del Pantheon, trasformandolo in una “Bottiglieria con Cucina” a cui decide di dare il nome di “Armando al Pantheon”.

La sua bravura dietro ai fornelli lo porta in poco tempo ad acquisire grande notorietà in tutta Roma.

Armando al Pantheon è frequentato da personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo, oltre che dai romani e dai turisti che vogliono scoprire il gusto autentico della cucina romana.

Da Armando si possono gustare le specialità della cucina romana, eseguite nella loro pura ed essenziale forma, supportata da materie di prima qualità, che hanno reso questo locale un punto di riferimento per gli amanti della cucina tipica romana.

INDIRIZZO Salita de’ Crescenzi, 31 – Roma – tel.: 06 68803034

ORARI dal lunedì al sabato 12:30 – 15:00 | 19:00 – 23:00

TPI consiglia: Saltimbocca alla romana

Ristoranti Roma Centro Storico | Ghetto ebraico

Ba’Ghetto

Da Ba’Ghetto si servono specialità kosher, prelibatezze della cucina romana e piatti mediorientali.

La storia di Baghetto, noto ristorante kosher a Roma, affonda le sue radici negli anni Ottanta, quando mamma e papà Dabush aprono il loro primo ristorante a via Livorno.

La loro grande passione per la cucina giudaico-romanesca si è tramandata poi ai quattro figli Avi, Ilan, Eran e Amit, che hanno seguito le orme dei genitori aprendo altre due sedi della linea Ba’Ghetto, questa volta proprio nel cuore del ghetto ebraico della capitale.

Quello che da sempre contraddistingue la rinomata cucina di Ba’Ghetto è la fusione di elementi vincenti tutti diversi tra loro: la tradizione culinaria giudaico-romanesca, la visione strettamente kosher del cibo, la ricerca di ingredienti sani e di altissima qualità, i sapori e le ricette originali tipiche della storia tripolina e mediorientale.

INDIRIZZO Via del Portico d’Ottavia, 57 – Roma – tel.: 06 68892868

ORARI Chiuso venerdì a cena e sabato a pranzo, aperto dalle 11:00 alle 23:00

TPI consiglia: Carciofo alla giudia

Ristoranti Roma Centro Storico | Piazza Vittorio

Hang Zhou – Da Sonia

“La Cina è vicina”, scriveva Enrico Emanuelli nel 1957, e andando a mangiare da Hang Zhou sembra veramente di essere a Pechino.

Nei pressi di piazza Vittorio c’è uno dei ristoranti cinesi storici della Capitale. Il tipo di cucina è quella pechinese, come lo è lo chef e la “direttrice d’orchestra”, Sonia, sempre presente, ad assicurarsi che tutto proceda per il verso giusto.

Le pietanze non deludono mai: la gastronomia cinese si unisce ad una leggerezza che difficilmente si riesce a trovare in questo genere di locali.

Dai ravioli di carne alla piastra a quelli di verdure al vapore, i primi sono eseguiti alla perfezione. La pasta dello spessore giusto, ripieni ben fatti e saporitissimi.

Gli involtini primavera sono freschi e non fritti, come vuole la tradizione che difficilmente si può trovare altrove.

In questo luogo non mancano mai sorrisi e cortesia. La qualità del cibo e l’ambiente molto grande ma accogliente completano il quadro.

INDIRIZZO Via Principe Eugenio, 82 – Roma – tel.: 06 4872732

ORARI dal lunedì alla domenica 12:00 – 15:00 | 19:00 – 22:30

TPI consiglia: Riso nero piccante con calamari e gamberetti

Ristoranti Roma Centro Storico | Testaccio

Felice a Testaccio

Da giovanissimo Felice Trivelloni ha preso le redini dell’osteria aperta da suo padre Guido, una di quelle di una volta, dove l’oste serviva da bere, ma il cibo bisognava portarselo da casa.

Dopo un po’ di tempo, Felice apre la sua cucina e inizia a servire i piatti che ama, le ricette romane della tradizione più popolare.

Era il 1936 e Felice si destreggiava fra fornelli infuocati e avventori infervorati: si narra di toni burberi e irriverenti usati per allontanare i clienti. Un posto per quelli del quartiere però lo trovava sempre, per i lavoratori della strada, per gli abitanti di Testaccio, una delle aree tanto povere quanto veraci di Roma.

Alla morte di Felice il testimone passa al figlio Franco che, insieme alla famiglia, rinfresca il locale ammodernando gli spazi: veste nuova ma stessa qualità dei piatti.

Felice a Testaccio offre uno spazio confortevole in cui rilassarsi e uno staff professionale a cui affidarsi, insieme alla freschezza e alla qualità degli ingredienti, alla fedeltà alle ricette della tradizione, alla costanza e dedizione che garantiscono un’esperienza culinaria genuina e appagante.

INDIRIZZO Via Mastro Giorgio, 29 – Roma – tel.: 06 5746800

ORARI: dal lunedì alla domenica 12:30 – 15:00 | 19:00 – 23:30

TPI consiglia: Spaghetti alla carbonara

Campagna regione lazio