Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Tajani: “Ma quale problema con l’Europa? La manovra nuoce gravemente all’economia italiana” | VIDEO

A Strasburgo il presidente del Parlamento europeo ha espresso le sue “perplessità” e “preoccupazioni” direttamente al ministro degli Affari europei, Paolo Savona

Immagine di copertina

Il presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, ha espresso le sue “perplessità” e “preoccupazioni” sulla manovra economica del governo italiano direttamente al ministro Paolo Savona, chiedendo un cambio di direzione.

Tajani, esponente di punta di Forza Italia e del Partito popolare europeo, ha ricevuto martedì 2 ottobre 2018 l’economista e ministro degli Affari europei del governo Conte a Strasburgo, sede dell’assemblea dell’Unione, chiedendogli rassicurazioni sulla permanenza dell’Italia nella moneta unica.

Il colloquio si è tenuto a margine dell’incontro tra Savona e gli eurodeputati italiani.

“Da patriota e cittadino italiano sono preoccupato dalla reazione dei mercati. Non è il momento dello scontro con le istituzioni europee”, ha sottolineato Tajani nel corso dell’incontro con la stampa, seguito al meeting a porte chiuse con il ministro.

“È  il momento di modificare la manovra come è stata presentata, per aver più investimenti, meno assistenzialismo e più azioni per creare lavoro. Si rischia altrimenti di mandare in fumo il risparmio degli italiani e far perdere anche molti posti di lavoro”, ha aggiunto il presidente dell’Europarlamento.

Alla domanda di TPI “Cosa risponde all’affermazione di Salvini, che ha detto di non essere interessato a quello che vuole l’Europa”, Antonio Tajani ha risposto: “È un falso problema. La posta in gioco è a Roma: cosa intende fare il governo italiano per creare posti di lavoro e proteggere gli italiani con i loro risparmi. Quelli che in questi giorni si stanno bruciando a miliardi. La polemica tra Salvini e Juncker (o Moscovici) lascia il tempo che trova”.