Me
Usa, la foto falsa di Donald Trump che soccorre le vittime dell’alluvione
Condividi su:
foto falsa donald trump
La foto falsa diventata virale sui social

Usa, la foto falsa di Donald Trump che soccorre le vittime dell’alluvione

Ha raggiunto oltre 275 mila condivisioni su Facebook

25 Set. 2018
foto falsa donald trump
La foto falsa diventata virale sui social

Il presidente Usa, su un gommone dei soccorsi, tende la mano a un uomo sommerso dall’acqua fino alle gambe. In mano un cappello rosso, come quelli della sua campagna elettorale con lo slogan “Make America Great Again”. La foto, diventata virale sui social, è ovviamente falsa.

Dopo l’uragano Florence, che ha causato 32 vittime e provocato inondazioni e allagamenti sulla costa orientale degli Stati Uniti, l’immagine ha raggiunto 275 mila condivisioni su Facebook.

Si tratta però di una foto scattata in Texas nel 2015, prima ancora che Donald Trump fosse eletto presidente, come ha spiegato su twitter un giornalista del New York Times

Al posto di uno dei soccorritori è stato aggiunto proprio The Donald, che “aiuta” un uomo porgendogli uno dei suoi cappellini. Non dovrebbe essere troppo difficile capire che si tratta di un falso, ma il successo che ha ricevuto sui social lascia pensare che qualcuno l’abbia creduta vera.

La foto modificata è stata condivisa per la prima volta su Facebook il 16 settembre 2017. Il vero scatto è stato realizzato due anni prima e ritrae tre soccorritori dei Vigili del fuoco del dipartimento di Austin che si avvicinano a bordo di un gommone a un uomo aggrappato a una rete metallica, mentre tutt’intorno le strade sono allagate.

Il fatto che il presidente sia a bordo di quello stesso gommone, senza alcun tipo di abbigliamento di sicurezza, e porga a un uomo in difficoltà un cappello “M.A.G.A.” ha portato molti utenti a ironizzare sulla credibilità, e popolarità, del post.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus