Me

Asia Argento, il sito Tmz pubblica il selfie dell’attrice a letto con Jimmy Bennett

L'attrice italiana ha negato di aver mai avuto rapporti sessuali con Bennett

Immagine di copertina
La foto pubblicata in esclusiva dal sito TMZ

Il sito web di gossip Tmz ha pubblicato in esclusiva la foto di Asia Argento a letto con Jimmy Bennett, l’attore 22enne americano che l’ha accusata di averlo violentato quando aveva 17 anni (qui tutto quello che c’è da sapere sul caso). asia argento selfie

L’attrice italiana ha negato di aver mai avuto rapporti sessuali con Bennett.

Il selfie è tra i documenti ricevuti dal New York Times tramite un’email criptata, che è la fonte dell’inchiesta sullo scandalo.

Nell’inchiesta del quotidiano infatti si legge:

“I documenti, che sono stati inviati al New York Times tramite e-mail criptata da una fonte non identificata, includono un selfie datato 9 maggio 2013, dei due a letto. Come parte dell’accordo, il Sig. Bennett, che ora ha 22 anni, ha dato la fotografia e il copyright a Ms. Argento, ora 42. Tre persone che hanno familiarità con il caso hanno detto che i documenti erano autentici”.

Secondo quanto rivelato dal New York Times, Asia Argento avrebbe concordato di risarcire con 380mila dollari l’attore e musicista. Il giovane, oggi 22enne, sostiene di aver avuto dopo quella presunta violenza un crollo emotivo talmente forte da aver condizionato la sua carriera.

Asia Argento è stata tra le prime donne nel mondo del cinema a denunciare le molestie subite dal produttore Harvey Weinstein.

Per questo, lo scandalo svelato dal New York Times che ha travolto l’attrice italiana ha suscitato molte critiche e reazioni inaspettate anche da donne come Rose McGowan, che in passato l’hanno affiancata nelle sue denunce.

La versione di Asia Argento

Asia Argento nega il contenuto dell’articolo pubblicato dal New York Times, definendo le notizie “assolutamente false”.

In particolare, non nega di aver corrisposto dei soldi a Bennett. La parte della notizia contestata da Argento è quella sui presunti rapporti sessuali con il giovane attore americano.

Ma come mai allora Asia Argento ha pagato Bennett?

Ecco la sua versione:

“Quello che mi ha legata e Bennett per alcuni anni è stato solo un sentimento di amicizia terminata quando, dopo la mia esposizione nella nota vicenda Winstein, Bennett (che versava in gravi difficoltà economiche e che aveva precedentemente assunto iniziative giudiziarie anche nei confronti dei suoi stessi genitori rivolgendo loro richieste milionarie) inopinatamente mi rivolse una esorbitante richiesta economica”, prosegue la nota.

“Bennett sapeva che il mio compagno, Anthony Bourdain, era percepito quale uomo di grande ricchezza e che aveva la propria reputazione da proteggere in quanto personaggio molto amato dal pubblico”.

“Anthony insistette che la questione venisse gestita privatamente e ciò corrispondeva anche la desiderio di Bennett. Anthony temeva la possibile pubblicità negativa che tale persona, che considerava pericolosa, potesse portarci. Decidemmo di gestire la richiesta di aiuto di Bennett in maniera compassionevole e venirgli incontro. Anthony – prosegue l’attrice – si impegnò personalmente ad aiutare Bennett economicamente. A condizione di non subire più intrusioni nella nostra vita”.

Asia Argento conclude la nota con queste parole: “Dunque, questo è l’ennesimo sviluppo di una vicenda per me triste che mi perseguita da tempo e che a questo punto non posso che contrastare assumendo nel prossimo futuro tutte le iniziative a mia tutela elle sedi competenti”.

Gli sms tra Asia Argento e Anthony Bourdain su Jimmy Bennett

Il sito web di gossip Tmz ha pubblicato le conversazioni intercorse via sms tra Asia Argento e il compagno recentemente scomparso Anthony Bourdain sul caso di Jimmy Bennett. Sarebbe stato proprio Bourdain ad insistere per pagare Bennet, con soldi che avrebbe sborsato di tasca sua.

“Ero gelata. Lui era sopra di me. Poi mi ha detto che ero stata la sua fantasia sessuale da quando aveva 12 anni”, avrebbe scritto l’attrice al compagno riportato in esclusiva dal sito online americano.

Negli sms Bourdain e Argento parlano di Bennett come di un “asino” e Anthony scrive che il pagamento “non è l’ammissione di niente, nessun tentativo di comprare il silenzio, semplicemente un’offerta per aiutare un’anima torturata che cerca disperatamente di spillarti denaro”.

Campagna regione lazio

 I 380mila dollari — che Bourdain avrebbe pagato di tasca sua — per chiudere la vicenda non sono, avrebbe scritto lo chef, “un’ammissione, un modo per comprare una copertura, solo un’offerta per aiutare un’anima tormentata che cerca di spillarti soldi”.

Oppure, conclude, puoi “mandarlo a farsi f… In ogni caso, sono con te”.

“Non comprerò il suo silenzio per qualcosa che non è vero, anche perché sono al verde”, avrebbe scritto l’attrice al compagno (qui l’articolo completo).

  • Leggi anche i commenti:

Asia Argento testimonial di Me Too? È come un macellaio testimonial degli animalisti

Solo chi ha smarrito il senso della realtà può porre Asia Argento sullo stesso piano di Harvey Weinstein