Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

A Mosca hanno organizzato una mostra su Banksy senza dire nulla a Banksy

Il misterioso artista ha scoperto dell'esistenza della mostra tramite i messaggi ricevuti da un amico

Immagine di copertina
Un murale di Banksy a Londra. Credits: AFP

Alla Casa degli Artisti di Mosca, da giugno è stata inaugurata una mostra sul celebre graffiti artist dall’identità misteriosa Banksy. La mostra espone un centinaio di suoi lavori originali, alcuni dei quali presi in prestito da altre gallerie e musei. L’accesso alla mostra costa poco più di 20 euro.

C’è un solo problema: Banksy, fino a qualche giorno fa, non ne sapeva nulla.

Une publication partagée par Banksy (@banksy) le

In un post pubblicato sul proprio profilo Instagram ufficiale, Banksy ha pubblicato una conversazione tra lui e un amico anonimo.

L’amico gli scrive, mandandogli una foto della mostra a Mosca, dicendogli “Hey, ho visto questo e ho pensato a te”. L’artista risponde “Sei divertente. Cosa diavolo è?”. “È una mostra dei tuoi lavori a Mosca. Fanno pagare 20 pound per entrare. LOL”.

Noto per le sue posizioni critiche nei confronti del consumismo, a Banksy però la storia non ha fatto tanto ridere: “Qual è il contrario di LOL?” ha chiesto. Poi ha aggiunto “Sai che non ha nulla a che fare con me, vero? Io non faccio pagare la gente per far vedere la mia arte, a meno che non ci sia di mezzo un parco dei divertimenti”.

All’iconico artista, uno degli street artist più noti al mondo la cui arte è apparsa sui muri di tutto il mondo, dalla striscia di Gaza a New York, non è però sfuggita l’ironia della situazione: “Non credo di essere la persona più indicata per lamentarsi della gente che mette su delle immagini senza permesso”, ha scritto.

Ma è una questione di principio: la mostra, che secondo il sito internet della Casa degli Artisti di Mosca riunisce “circa cento documenti, tra cui lavori originali, oggetti 3D, rare stampe o fotografie scattate da Banksy e molto altro” non ha mai contattato l’artista per informarlo del loro progetto.

Nel frattempo, anche Milano si prepara a una mostra straordinaria ospitata dal Mudec, il Museo delle Culture, dedicata al misterioso graffiti artist. Ma la descrizione della mostra stessa, questa volta, lo ammette: è unofficial and unathorized by Banksy.