Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Backstreet Boys, il cantante Nick Carter è stato denunciato per stupro

Ma il compagno di band lo difende: "la ragazza è solo a caccia di fama"

Immagine di copertina
Nick Carter, cantante del gruppo pop degli anni '90 Backstreet Boys. Credits: AFP

Nick Carter, cantante dei Backstreet Boys, famosa band che ha fatto innamorare le teenager degli anni ’90, è stato denunciato per stupro.

La denuncia è avvenuta già alla fine del 2017 ed è stata depositata da Melissa Schuman, un’altra pop star famosa negli anni ’90 che faceva parte delle DREAM.

Convinta da un’altra accusatrice che, nel pieno del movimento #MeToo, aveva accusato Carter di averla aggredita a una festa, Schuman ha deciso di rompere il silenzio sulla violenza sessuale che avrebbe subito da parte di Carter nel 2002.

Non è la prima accusa di violenza sessuale ricevuta dal cantante.

Ieri, l’ex compagno di Carter nei Backstreet Boys Brian Littrell ha difeso l’amico, dicendo che la ragazza “è solo a caccia di fama” e che il cantante ha il pieno appoggio di tutta la band.

“Sfortunatamente ci sono persone a caccia di fama là fuori. Lui è stato molto onesto e aperto con noi su questa situazione e io lo sostengo”, ha detto Littrell.

Carter, a novembre 2017, aveva commentato la denuncia ricevuta dicendosi “shockato e rattristito” dalle accuse ricevute. “Melissa non mi ha mai detto, quando eravamo insieme o in qualsiasi momento dopo quella volta che quello che abbiamo fatto non era consensuale”, ha detto il cantante.

“Questa è la prima volta che sento questa accusa, quasi vent’anni dopo. Causare intenzionalmente dolore o disagio a qualcuno è contrario alla mia natura e a tutto ciò che è importante per me”, ha commentato poi.

La storia raccontata da Melissa Schuman

Secondo Schuman, lo stupro sarebbe avvenuto nel contesto di una serata conviviale nell’appartamento di Carter, a Santa Monica, mentre i due stavano recitando nello stesso film. Secondo la sua ricostruzione, Carter avrebbe imbottito lei e la sua amica di liquore e poi, dopo alcuni baci consensuali, lui avrebbe fatto del sesso orale alla ragazza contro la sua volontà. Poi, l’avrebbe stuprata.

“Gli ho detto che ero vergine e non volevo fare sesso. Gli ho detto che stavo aspettando il mio futuro marito. Gliel’ho detto più e più volte… Ha riempito il mio cellulare di chiamate per settimane, lasciandomi messaggi in cui mi chiedeva di parlare. Alla fine mi ha lasciato un ultimo schifoso messaggio e non mi ha più chiamata”, ricorda la ragazza.

Il cantante dei Backstreet Boys le avrebbe detto, allora: “Non preoccuparti, non lo dirò a nessuno”.

Schuman, poco dopo, ha firmato un contratto con lo stesso manager del cantante, Kenneth Crear, pensando che l’uomo avrebbe potuto aiutarla a diventare una popstar di successo. Solo per scoprire, in realtà, lo stretto legame di amicizia tra Crear e il leader dei Backsteet Boys.

Così, probabilmente senza sapere del passato travagliato tra Carter e Schuman, il manager organizza un paio di canzoni che i suoi due clienti avrebbero dovuto cantare insieme, e li fa incontrare per un concerto insieme.

Schuman vede il cantante per la prima volta dalla sera del presunto stupro. I due cantanto insieme senza entusiasmo e questo rovina il rapporto della ragazza con il suo manager, che le fa capire di non essere più interessato a collaborare con lei.