Me
Justin Trudeau, in rete c’è chi dice che le sue sopracciglia siano finte
Condividi su:
Il primo ministro canadese Justin Trudeau: Credit: Drew Angerer/Getty Images/AFP

Justin Trudeau, in rete c’è chi dice che le sue sopracciglia siano finte

Durante una conferenza stampa tenutasi al G7 è stato girato un video che ha fatto sorgere un sospetto. Secondo alcuni utenti le sopracciglia di Trudeau sono finte

12 Giu. 2018
Il primo ministro canadese Justin Trudeau: Credit: Drew Angerer/Getty Images/AFP

Stiamo parlando del primo ministro Justin Trudeau, lo stesso che il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha definito “Molto disonesto e debole” alla fine del vertice del G7.

La conferenza stampa oggetto del video sul sopracciglio di Trudeau che cade non è lo stessa che ha chiuso il vertice G7

In quella finale infatti ha dichiarato: “Abbiamo combattuto al fianco degli americani, dovrebbero ringraziarci invece di attaccarci”, e ha aggiunto: “Noi canadesi siamo educati e responsabili, ma non ci lasceremo spintonare”.

Trudeau ha quindi confermato l’intenzione di rispondere alle tariffe Usa con nuovi dazi, che scatteranno all’inizio di luglio e quel punto il presidente degli Stati Uniti ha ordinato ai suoi rappresentati di non firmare il comunicato finale del G7, annunciando la sua decisione con due tweet.

Ma sul web non si discute soltanto della tensione tra i due paesi, alcuni utenti infatti hanno lanciato il dibattito ”Eyebrow-gate”, riferito proprio alle sopracciglia di Trudeau.

Il video che ha insinuato il sospetto sulle sopracciglia del primo ministro canadese sostenendo che siano finte è quello riportato da alcuni utenti su Twitter.

Il video online sembra mostrare il sopracciglio di Trudeau che cade durante una conferenza stampa del summit.

La possibilità di una guerra commerciale è stata quindi “offuscata” da questa insolita teoria che circolava sulle sopracciglia del primo ministro padrone di casa.

Justin Trudeau indossa sopracciglia finte? Di seguito il video.

In realtà si tratta soltanto di una leggera ombra proiettata sulla fronte sinistra e della scarsa illuminazione presente sul set.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus