Me

Le ultime lettere di Aldo Moro alla moglie prima di morire: “Ho avuto il dono di una vita con te, ci riameremo”

Sono lettere in cui emerge il lato umano di Aldo Moro, i suoi sentimenti profondi e il suo amore per la moglie e la famiglia

Immagine di copertina
Aldo Moro

Aldo Moro lettere | Le ultime lettere alla moglie prima di morire

Il 9 maggio 2018 ricorrono i quarant’anni dal ritrovamento del corpo senza vita dell’Onorevole Aldo Moro.

Era la mattina del 9 maggio 1978, quando con una telefonata, le Brigate Rosse comunicavano di aver ucciso Aldo Moro, rapito 55 giorni prima, a via Fani, a Roma.

Il suo corpo fu trovato nel bagagliaio di una Renault 4 rossa in via Michelangelo Caetani, a Roma, a poca distanza dalle sedi del Partito Comunista Italiano e della Democrazia Cristiana.

Aldo Moro, ex segretario della Democrazia Cristiana ed ex primo ministro italiano, era stato rapito in via Mario Fani a Roma, nei dintorni della sua abitazione, il 16 marzo del 1978, da un commando del gruppo terrorista delle Brigate Rosse, che uccise i 5 membri della scorta di Moro.

Moro rimase prigioniero dei brigatisti per 55 giorni, prima di essere giustiziato. Durante la prigionia, l’ex segretario dell Dc scrisse numerose lettere, alcune delle quali indirizzate alla moglie Noretta.

Delle missive in cui venivano espressi giudizi aspri su chi si era rifiutato di trattare per il suo rilascio, e indirizzate a una donna, sua moglie, che si era spesa in tutti i modi per salvare la vita al marito.

Ma sono anche lettere in cui emerge un altro lato di Aldo Moro, quello di marito, padre e nonno affettuoso, premuroso, uomo innamorato della sua Noretta.

Ci sono frasi che, scritte in quello stato di profonda prostrazione, ai confini tra la vita e la morte, risuonano con tutto il loro straordinario carico di amore e speranza.

Vi si possono cogliere i sentimenti profondi di un uomo che amava sua moglie e la sua famiglia con quello stesso spirito che animava la sua attività politica e la sua lotta per il bene collettivo.

Anche l’attore Luca Zingaretti, noto al grande pubblico per la sua interpretazione del commissario Montalbano, ha letto una delle lettere (l’ultima) scritta da Moro alla moglie, in occasione delle prove di ”55 giorni, l’Italia senza Moro”, in onda l’8 maggio su Rai 1 (qui il video completo).

Ecco le due lettere più belle e significative:

Mia dolcissima Noretta,

credo di essere giunto all’estremo delle mie possibilità e di essere sul punto, salvo un miracolo, di chiudere questa mia esperienza umana. Gli ultimi tentativi, per i quali mi ero ripromesso di scriverti, sono falliti. Il rincrudimento della repressione, del tutto inutile, ha appesantito la situazione. Non sembra ci sia via di uscita.

Mi resta misterioso, perché è stata scelta questa strada rovinosa, che condanna me e priva di un punto di riferimento e di equilibrio. Già ora si vede che vuol dire non avere persona capace di riflettere.

Questo dico, senza polemica, come semplice riflessione storica. Ora vorrei abbracciarti tanto e dirti tutta la dolcezza che provo, pur mescolata a cose amarissime, per avere avuto il dono di una vita con te, così ricca di amore e di intesa profonda.

Dio sa quanto avrei sperato di accompagnarvi ancora un poco, di dare custodia ed aiuto all’amatissimo Luca, di aiutare tutti a superare le prove del duro cammino. Ho tentato tutto ed ora sia fatta la volontà di Dio, credo di tornare a voi in un’altra forma.

Non mi so immaginare onorato da chi mi ha condannato. Ma fa tu, con spirito cristiano e senso di opportunità. Vi ho affidato a Freato e Rana per ogni necessità ed ho fiducia che Iddio vi aiuti. Tu curati e cerca di essere più tranquilla che puoi. Ci rivedremo. Ci ritroveremo. Ci riameremo.

Ho scritto a tutti per Luca, perché siano impegnati per lui. A te debbo dire grazie, infinite grazie, per tutto l’amore che mi hai dato. Amore un po’ geloso che mi faceva innervosire, quando ti vedevo sprofondata in un libro. Ma amore autentico che resterà. Io pregherò per te e tu per me.

Che Iddio aiuti la cara famiglia. In estate, al mare, fatti fare compagnia dalla famiglia di Riccioni per te e per il piccolo. Ho lasciato il mio archivio a Luca da vendere tramite il Sen. Spadolini e il Dott. Guerzoni per costituire un piccolo peculio che lo aiuti a mantenersi nella vita.

Campagna regione lazio

Ho dimenticato di dire, ma tu dillo a Guerzoni che per le foto i familiari e gli esecutori testamentari scelgano quelle che vale la pena di conservare alla famiglia. Nel magnetofono più grande, che è nel mio studio, ci sono già raccolte vocette di Luca trasferite da quello tascabile. Si può mano a mano trasferire e completare.

Le bobine sono in camera nostra; film e foto sulla scrivania dello studio. Vorrei, come piccolo ricordo, che il biro della mia vestaglia da giorno andasse a Luca che lo amava (e il portacenere a Giovanni), un altro pennarello marrone nel comò a Giovanni, un biro uguale al primo sulla chiffonière ad Agnese, mentre Fida e Anna e tu potreste scegliere in quel mobile quel che volete.

Sentite Manzari, vedi di fare testamento. lo ne ho mandati due che spero siano arrivati e rinvierò in copia. Non mancare di fare e far fare la vaccinazione antinfluenzale, se viene la russa. Fatti seguire da Giovanni anche come amico. Tramite Rana fa controllare la stabilità del tetto sulla nostra stanza e cura che il gas sia chiuso la sera. (Agnese).

Per la tomba di Torrita almeno nell’immediato c’è il rischio di sicurezza. Forse converrebbe allogare altrove, […] stesso o nella chiesa con speciale permesso. Forse, per ora: consigliati con Freato.

Chissà quante cose ho dimenticato. State più uniti che potete e tenete unite anche le mie cose con voi, perché sono vostro. Ho pregato molto La Pira. Spero che mi aiuti in altro modo. Ringrazio tutti, tutti i parenti ed amici con grande affetto. Che Iddio ci aiuti.

Ricordati che sei stata la cosa più importante della mia vita. Ricordatemi discretamente a Luca con qualche foto e qualche descrizione, che non si senta del tutto senza nonno. E poi che sia felice e non faccia i miei errori generosi ed ingenui.

Ti abbraccio forte forte e ti benedico dal profondo del cuore. A nonna un bacio, nella forma che troverai.

Aldo

Qui l’ultima lettera scritta da Aldo Moro alla moglie:

Mia dolcissima Noretta,

dopo un momento di esilissimo ottimismo, dovuto forse ad un mio equivoco circa quel che mi si veniva dicendo, siamo ormai, credo, al momento conclusivo. Non mi pare il caso di discutere della cosa in sé e dell’incredibilità di una sanzione che cade sulla mia mitezza e la mia moderazione.

Certo ho sbagliato, a fin di bene, nel definire l’indirizzo della mia vita. Ma ormai non si può cambiare. Resta solo di riconoscere che tu avevi ragione. Si può solo dire che forse saremmo stati in altro modo puniti, noi e i nostri piccoli.

Vorrei restasse ben chiara la piena responsabilità della D.C. con il suo assurdo ed incredibile comportamento. Essa va detto con fermezza così come si deve rifiutare eventuale medaglia che si suole dare in questo caso.

È poi vero che moltissimi amici (ma non ne so i nomi) o ingannati dall’idea che il parlare mi danneggiasse o preoccupati delle loro personali posizioni, non si sono mossi come avrebbero dovuto. Cento sole firme raccolte avrebbero costretto a trattare. E questo è tutto per il passato.

Per il futuro c’è in questo momento una tenerezza infinita per voi, il ricordo di tutti e di ciascuno, un amore grande grande carico di ricordi apparentemente insignificanti e in realtà preziosi. Uniti nel mio ricordo vivete insieme. Mi parrà di essere tra voi.

Per carità, vivete in una unica casa, anche Emma se è possibile e fate ricorso ai buoni e cari amici, che ringrazierai tanto, per le vostre esigenze. Bacia e carezza per me tutti, volto per volto, occhi per occhi, capelli per capelli. A ciascuno una mia immensa tenerezza che passa per le tue mani.

Sii forte, mia dolcissima, in questa prova assurda e incomprensibile. Sono le vie del Signore. Ricordami a tutti i parenti ed amici con immenso affetto ed a te e tutti un caldissimo abbraccio pegno di un amore eterno. Vorrei capire, con i miei piccoli occhi mortali, come ci si vedrà dopo.

Se ci fosse luce, sarebbe bellissimo. Amore mio, sentimi sempre con te e tienmi stretto. Bacia e carezza Fida, Demi, Luca (tanto anto Luca) Anna Mario il piccolo non nato Agnese Giovanni.

Sono tanto grato per quello che hanno fatto. Tutto è inutile, quando non si vuole aprire la porta. Il Papa ha fatto pochino: forse ne avrà scrupolo

Senza firma

(Aldo Moro alla moglie Eleonora Chiavarelli )

 

Leggi anche: Aldo Moro 40 anni dopo: 9 maggio 1978, l’omicidio e il ritrovamento a via Caetani

Leggi anche: Vi racconto il giorno in cui ho ritrovato il corpo di Aldo Moro, 40 anni fa