Me

Come funziona il trasporto ferroviario per chi si sposta per votare

Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) ha annunciato lo stato di emergenza grave nei "Piano neve e gelo" per il trasporto regionale e i treni e per quelli a lunga percorrenza

Immagine di copertina

A causa del gelo e della neve che hanno colpito la penisola italiana nell’ultima settimana, la Rete Ferroviaria Italiana (Rfi) ha annunciato lo stato di emergenza grave del “Piano neve e gelo” nelle seguenti regioni: Lazio, Liguria, Lombardia, Friuli Venezia Giulia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna, Marche, Toscana.

Allerta arancione sulla Liguria e rossa a Ponente.

Oggi, 1 marzo 2018, è prevista la circolazione regolare per l’80 per cento dei treni ad alta velocità sulla tratta Milano, Roma, Napoli, non si escludono ritardi e cancellazioni, ma per il momento la situazione è sotto controllo.

I disagi più importanti interessano il trasporto ferroviario regionale: per la tratta Alessandria-Chivasso assicurato il 50 per cento dei treni, Alessandria-Genova il 40 per cento, Alessandria-Piacenza e Arona-Alessandria il 50 per cento, Asti-Acqui il 60 per cento, sulla Torino-Alessandria il 50 per cento, mentre sulla Torino-Genova l’80 per cento dei treni.

Nella linea regionale Genova-Ovada-Acqui e Genova-Arquata, sotto il controllo di Fs ligure, le cancellazioni programmate sono state limitate, al momento non si registrano importanti problemi.

Dalle pagine del sito Trenord e sull’app saranno progressivamente comunicate tutte le soppressioni o le limitazioni suddivise per linea.

Trenitalia invita a consultare la pagina dedicata sul sito ufficiale per tutti gli aggiornamenti in tempo reale e ha assicurato il rimborso totale del biglietto nel caso di cancellazione del treno.

Italo invece ha comunicato i treni cancellati sulla sua pagina o di contattare il numero di assistenza telefonica “Pronto Italo” 06.07.08.


Leggi anche: Come ottenere i rimborsi sui biglietti Trenitalia e Italo dopo i disagi del maltempo

Leggi anche: Costi stellari e viaggi da incubo: così l’Italia nega il diritto di voto a 2 milioni di persone