Me
La storia di Clara Woods, la bambina colpita da un ictus prima ancora che nascesse e che parla tramite la pittura
Condividi su:
Clara Woods

La storia di Clara Woods, la bambina colpita da un ictus prima ancora che nascesse e che parla tramite la pittura

Clara non parla, si esprime con la pittura e, a soli dodici anni, inaugurerà la sua prima mostra in provincia di Firenze

22 Feb. 2018
Clara Woods

Clara ha 12 anni e vive in Toscana. Non parla, dipinge. Comunica così, con la pittura e il 9 marzo sarà inaugurata la sua prima mostra personale.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come

Prima di nascere, quando era ancora nella pancia della mamma, Clara Woods è stata colpita da un ictus.

Se ne accorsero i medici soltanto sette mesi dopo la sua nascita.

Se ti piace questa notizia, segui TPI Pop direttamente su Facebook

A Clara manca ancora oggi la parola, e non può nemmeno leggere, per colpa di quell’ictus precoce. Ma lei ha trovato un modo tutto suo per esprimersi e lo fa con i suoi dipinti.

A quattro anni è nata la sua passione per la pittura e otto anni dopo inaugura la sua prima mostra.

Grazie alla riabilitazione e anche alla mamma Betina, brasiliana, Clara oggi riesce a comprendere tre lingue: il portoghese, l’inglese e l’Italiano.

Nella pasticciera Tuttobene, a Campi Bisenzio, in provincia di Firenze saranno esposti quindici lavori di Clara, che potranno essere ammirati dal 9 al 30 marzo 2018.

I disegni di Clara si ispirano alla pittura dell’artista messicana Frida Kahlo, diventata la sua eroina da quando la madre le regalò un libro sull’artista.

Clara rimase colpita da Frida Kahlo perché anche lei conviveva con problemi di disabilità che come lei trasformò in arte.

Se questa notizia ti è piaciuta, abbiamo creato una pagina Facebook apposta per te: segui TPI Pop

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus