Me
In Francia sono state evacuate 10mila persone a causa degli incendi
Condividi su:
canadair
Un Canadair impegnato a spegnere le fiamme nei pressi di Carros, vicino Nizza in Francia. Credit: Reuters/Eric Gaillard

In Francia sono state evacuate 10mila persone a causa degli incendi

26 Lug. 2017
canadair
Un Canadair impegnato a spegnere le fiamme nei pressi di Carros, vicino Nizza in Francia. Credit: Reuters/Eric Gaillard

Gli incendi nel sud della Francia hanno costretto le autorità a evacuare 10mila persone durante la notte tra il 25 e il 26 luglio.

Centinaia di vigili del fuoco sono impegnati a combattere le fiamme nei pressi di Bormes-les-Mimoses, in Costa azzurra. La situazione è così grave che il governo francese ha anche chiesto agli stati vicini dell’Unione Europea di aiutare il paese a combattere gli incendi.

Circa quattro mila ettari di terra infatti sono già andati in fumo lungo la costa mediterranea francese, in particolare in Provenza, Costa azzurra e in Corsica.

“Le evacuazioni riguardano almeno 10mila persone e hanno seguito lo sviluppo degli incendi”, ha dichiarato un vigile del fuoco all’agenzia di stampa AFP.

“Il problema è che l’area interessata dalle fiamme raddoppia o triplica la propria popolazione durante l’estate”, ha aggiunto il pompiere. Tra gli incendi divampati ce n’è anche uno che minaccia la popolare località balneare di Saint-Tropez.

Anche in Corsica, centinaia di case sono già state evacuate. Nel complesso, più di quattro mila pompieri stanno cercando di estinguere le fiamme in tutto il paese.

Almeno 12 pompieri sono già rimasti feriti e 15 poliziotti hanno accusato gli effetti dell’inalazione di fumo, che ha provocato loro problemi respiratori.

– LEGGI ANCHECosa c’è dietro gli incendi sul Vesuvio

Cosa c’è da sapere sugli incendi in Campania e Sicilia

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus