Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

In Nuova Zelanda è stato effettuato il primo lancio di un razzo da un sito privato

Il razzo di Rocket Lab (17 metri) è decollato dalla penisola di Mahia, nel nord dell'isola, e potrebbe trasportare merci con un peso massimo di 150 chili

Immagine di copertina

Una società statunitense ha lanciato un razzo nello spazio dalla Nuova Zelanda: è la prima volta che avviene da una struttura di lancio privata.

Il razzo di Rocket Lab (17 metri) è decollato dalla penisola di Mahia, nel nord dell’isola, secondo quanto riportato dalla compagnia su Twitter.

Il volo di prova è un importante passo in un mercato emergente, quello del lancio di razzi economici usa e getta per trasportare piccoli satelliti e altre merci.

La società statunitense punta a effettuare altri lanci, con più frequenza, durante il 2017. 

A causa delle cattive condizioni climatiche, il lancio è stato ritardato di alcuni giorni, ma alla fine il razzo è decollato nel pomeriggio di giovedì 25 maggio. Il lancio di prova non ha trasportato alcuna merce, ma Rocket Lab ha comunicato che un razzo come quello usato può trasportare fino a 150 chili in orbita. 

La Nuova Zelanda ha creato una nuova legislazione in materia con l’obiettivo di diventare un nuovo nodo spaziale low-cost.

Il lancio di un razzo comporta solitamente un re-instradamento degli aerei, un grosso limite in spazi aerei affollati come quelli dei cieli statunitensi. La Nuova Zelanda, invece, ha solo l’Antartide al suo sud e il paese è ben posizionato per inviare satelliti. 

Però molti residenti locali, soprattutto della comunità Maori, si sono lamentati dei blocchi all’accesso di alcune aree pubbliche. “Le persone vengono a Mahia e possono andare in spiaggia ma ora si lancerà un razzo ogni trenta giorni, così dobbiamo cambiare i nostri stili di vita”, afferma uno di loro”, pur riconoscendo che il programma di lanci può portare anche “buone opportunità”.