Me
L’archivio gratuito con 2 milioni di bellissime immagini dei primi cento anni della fotografia
Condividi su:

L’archivio gratuito con 2 milioni di bellissime immagini dei primi cento anni della fotografia

La Europeana Collections ha digitalizzato 2,2 milioni di fotografie storiche, scattate in 34 paesi europei, diversissime per stili, qualità e soggetti

25 Mag. 2017

Digitalizzare archivi, materiali storici, documenti, filmati o fotografie ha un ruolo fondamentale nella conservazione del patrimonio culturale. Musei, gallerie d’arte e biblioteche in tutto il mondo hanno intrapreso questa strada. 

La Europeana Collections è una piattaforma online che ha digitalizzato oltre 53 milioni di opere d’arte, artefatti, libri, video e suoni provenienti da tutta Europa. L’ultimo ambizioso progetto riguarda la fotografia: sono state condivise e rese gratuite al pubblico migliaia di immagini dei primi 100 anni dall’invenzione della fotografia. 

L’archivio è formato da 2,2 milioni di fotografie storiche, scattate in 34 paesi europei diversi. Essendo state fatte nell’arco temporale di un secolo, le immagini sono diversissime per stili, qualità, soggetti e linguaggio.

L’archivio, che contiene foto di importanti pionieri come Julia Margaret Cameron, Eadweard Muybridge e Louis Daguerre, mostra l’evoluzione della fotografia dalle origini.

Tra gli obiettivi del progetto, portato avanti in collaborazione con Photoconsortium, vi è quello di portare avanti l’ideale di un continente culturalmente unito. Gli ideatori sono convinti che l’ambizioso intento possa essere raggiunto invitando gli utenti a “connettersi con il loro passato, con gli altri cittadini europei, a esplorare epoche e località remote e ad apprezzare meglio il patrimonio culturale continentale, nazionale e locale”.

Qui il link all’archivio completo. 

Wilhelm Weimar, 1898 

Animal Locomotion, Eadweard Muybridge, 1887

The Rosebud Garden of Girls, Julia Margaret Cameron, 1868

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus