Me
Almeno 40 vittime in un attacco suicida nella città yemenita di Aden
Condividi su:

Almeno 40 vittime in un attacco suicida nella città yemenita di Aden

Un'autobomba è esplosa mentre alcune reclute si registravano per il servizio militare. L'Isis ha rivendicato l'attentato contro "l'esercito di apostati dello Yemen"

23 Mag. 2016

Un attacco suicida portato a segno con un’autobomba e rivendicato dall’Isis ha ucciso almeno 40 reclute dell’esercito yemenita, ferendone altre 60, nella città portuale di Aden, lunedì 23 maggio 2016.

L’esplosione è avvenuta del distretto di Khor Maksar mentre le reclute erano in fila per registrarsi per il servizio militare.

Aden è la capitale temporanea del governo internazionalmente riconosciuto guidato da Abd Rabbo Hadi Mansour, mentre l’esercito regolare sostenuto dalle forze di una coalizione guidata dall’Arabia Saudita non è ancora riuscito a riprendere il completo controllo della capitale Sanaa.

Il sedicente Stato islamico ha dichiarato che l’attacco, uno dei più sanguinosi, era diretto contro “l’esercito di apostati dello Yemen” e che l’attentatore è Abu Ali al-Adeni.

Una seconda bomba piazzata al cancello di una base militare a poca distanza non ha invece causato vittime.

Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus