Me

Perchè Aung San Suu Kyi non potrà diventare presidente della Birmania

Il candidato che ha più probabilità di diventare presidente è Htin Kyaw, uno stretto collaboratore della leader birmana. L’altro candidato indicato è Henry Van Thio

Immagine di copertina

La Lega nazionale per la democrazia della Birmania (Nld) ha escluso la nomina di Aung San Suu Kyi alla corsa per la presidenza della Birmania. Il partito ha nominato altri due candidati, dal momento che non era riuscito a raggiungere un accordo con i militari per eliminare la clausola costituzionale che impedisce ad Aung San Suu Kyi di essere eletta presidente.

La clausola in questione, la 59F, infatti impedisce a chiunque abbia figli non birmani di ricoprire quel ruolo, e i figli della leader sono britannici, figli del marito ormai defunto Michael Aris. 

Il candidato che ha più probabilità di diventare presidente è Htin Kyaw, uno stretto collaboratore della leader birmana. L’altro candidato indicato dal partito è Henry Van Thio.

I due correranno con altri candidati espressione degli altri partiti birmani, ma dal momento che la Lega per la democrazia ha ottenuto la maggioranza dei seggi parlamentari alle elezioni di novembre, i suoi candidati hanno più chanches di essere eletti.

I militari, che detengono un quarto dei seggi, rimangono una forza politica significativa della Birmania. 

Htin Kyaw è uno storico membro del partito ed è uno stretto collaboratore di Aung San Suu Kyi, era al suo fianco quando lei è stata liberata dagli arresti domiciliari nel 2010.

Il nuovo governo salirà al potere il 1 aprile e sarà il primo governo liberamente eletto dopo oltre 50 anni di governo militare e dopo cinque anni di governo civile sostenuto dai militari.

Credit: Google Maps


Il giornalismo richiede risorse e scegliere di mantenere gratuito l’accesso a un giornale indipendente come TPI significa dover contare anche sulla pubblicità: questa è la ragione per cui vedi tanti annunci. Se vuoi contribuire a migliorare il nostro giornale e leggere gli articoli senza pubblicità anche da mobile iscriviti a TPI Plus, basta davvero poco ➝ www.tpi.it/plus