Me

Qui non ci sono arabi o ebrei

Un piccolo ristorante nella città israeliana di Kfar Vitkin offre uno sconto del 50 per cento agli arabi e agli ebrei che mangiano allo stesso tavolo

Immagine di copertina

Il conflitto in Medio oriente va avanti da oltre sessant’anni. Ci sono periodi in cui diventa più o meno violento, ma non svanisce mai del tutto.

Nell’ultimo mese sono morti 44 palestinesi e sette israeliani a causa della violenza in Terra santa. Vivendo tutti i giorni a contatto con questa realtà è impossibile non crescere pieni di risentimento nei confronti di coloro che ritieni colpevoli della tua condizione.

Arabi ed ebrei non interagiscono quasi mai tra loro, un po’ per paura, un po’ per diffidenza, un po’ per rancore. Eppure c’è un piccolo ristorante situato nella città di Kfar Vitkin, 40 chilometri a nord di Tel Aviv, che vuole cambiare le cose.

Il gestore di Hummus Bar, Kobi Tzafrir, ha deciso di promuovere un messaggio di riconciliazione tra i popoli attraverso la sua attività.

“Se c’è una cosa che può unire queste persone, è l’hummus”, ha affermato in un’intervisa al Times of Israel.

Lunedì 12 ottobre è stato un giorno ricco di tensioni. Ci sono stati diversi attacchi di palestinesi nei confronti di israeliani in tutta la regione e la polizia è intervenuta, rispondendo alla violenza con la violenza, e sparando dei colpi di arma da fuoco anche ai bambini palestinesi coinvolti.

Il giorno dopo, forse stanco della situazione, forse consapevole che la colpa di pochi non deve essere espiata dalle masse, Tzafrir ha postato il seguente annuncio sulla pagina Facebook del ristorante:

Hai paura degli arabi? Hai paura degli ebrei? Da noi non ci sono né arabi, né ebrei. Ci sono solo persone! E un eccellente hummus arabo tradizionale! E anche un eccellente falafel ebraico degno di lode, che accompagna ogni piatto di hummus ordinato, che siate arabi, ebrei, cristiani o indiani. Offerta speciale: 50 per cento di sconto sull’hummus per i tavoli dove arabi ed ebrei siedono insieme. Valido da domenica a giovedì”.

L’annuncio è stato immediatamente condiviso da migliaia di persone e la notizia ha cominciato a fare il giro del mondo. In un Paese dalle politiche complesse come è lo stato di Israele, è normale che qualcuno non abbia preso il messaggio di pace promosso dall’Hummus Bar come una cosa positiva, ma fortunatamente, per la maggior parte delle persone non è stato così.

A una settimana dalla pubblicazione dell’annuncio, il ristorante ha accolto molti più clienti del solito, tra cui diverse persone che sono semplicemente passate per sostenere l’idea. Qualcuno ha anche già approfittato dell’offerta.

Ogni tanto, anche dal caos, riesce a emergere una piccola storia di speranza, come questa dell’Hummus Bar.