Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Me

Stiamo riprogettando interamente l'organizzazione dei contenuti del nostro sito per offrirti un servizio migliore. Scopri di più

Le frontiere dopo Schengen

Cosa rimane dei vecchi posti di blocco ai confini degli stati europei, adesso che i loro cittadini possono spostarsi liberamente?

Immagine di copertina

Dopo la firma del trattato di Schengen, che sanciva il diritto di libera circolazione di persone attraverso gli stati dell’Unione Europea, i posti di blocco alle frontiere dei Paesi sono caduti in disuso.

Oggi cosa resta di loro? Se lo è chiesto il fotografo Ignacio Evangelista, che è tornato in quei luoghi ricchi di storia, da cui un tempo passava il flusso di persone in entrata o in uscita da uno Stato.

La maggior parte dei posti di blocco di frontiera è rimasta abbandonata e sta per essere inghiottita dalla natura circostante. Alcuni sono diventati bersaglio di vandali, pochi altri invece sono stati riconvertiti e rinnovati.

Evangelista ha chiamato il progetto “After Schengen”, dopo Schengen, e parla dei simboli di un’Europa che non esiste più.