Me

“L’Italia è bellissima, finché non ci vai e ti chiamano negro”: la denuncia dei turisti vittime di razzismo a TPI

L'Italia è il quinto paese più visitato al mondo, ma non riserva sempre esperienze piacevoli verso gli stranieri. Molti turisti neri hanno condiviso le loro esperienze di ordinario razzismo durante i loro viaggi nel Bel Paese.

Di Viola Stefanello
Pubblicato il 30 Apr. 2019 alle 14:09 Aggiornato il 30 Apr. 2019 alle 15:14
Immagine di copertina
Nel 2018, oltre 91 milioni di stranieri hanno visitato l'Italia.

“L’Italia è bellissima da vedere, finché non vai lì e ti chiamano negro”. Un commento, quello della fotografa britannica di colore Angel Therese, che ha portato tantissimi utenti su Twitter a raccontare le esperienze di ordinario razzismo – esplicito o implicito – sul social network.

Angel, che è stata a Verona nel giugno del 2016, ci tiene a sottolineare che da quella volta non è più tornata. “Mi ha confusa tantissimo perché hanno cominciato seriamente a farci delle foto come se non avessero mai incontrato una persona di colore. Ci fissavano. Ci toccavano senza permesso. È stato sconcertante”, scrive.

“Ti guardano come se fosse la prima volta che vedono persone di colore”, le fa eco un’altra viaggiatrice, Karabo. “Puntavano il dito contro la mia bambina, chiamandola piccola Beyoncé. Non assomiglia per niente a Beyoncé”, rincara un’altra utente.

Quella del razzismo di certi italiani nei confronti dei turisti stranieri di colore non è una storia che emerge ora per la prima volta: già nell’ottobre 2018, un articolo pubblicato sul New York Times intitolato “Il mio personale assaggio di razzismo all’estero” aveva acceso il dibattito nel Bel Paese, mettendo in discussione lo stereotipo degli “italiani brava gente”.

L’autrice dell’articolo, la statunitense Nicole Phillip, era arrivata a Firenze per un semestre all’estero “pronta per una vita di divertimento, cibo e una storia d’amore europea”. Quello che ha trovato, scrive invece, è stata una serie di incidenti a sfondo razziale – dai ragazzi che le urlano “cioccolata!” di fronte al Duomo a quelli che le hanno lanciato dietro della birra addosso durante una gita nelle Cinque Terre per poi chiamare lei e un’altra giovane di colore “disgustose donne nere”.

Se, però, quello della moltiplicazione degli attacchi a sfondo razziale contro gli immigrati in Italia è un dato trattato e discusso spesso sui media italiani, quello del trattamento indegno dei turisti stranieri passa piuttosto sotto silenzio, a fronte di un Paese che pur con il turismo nel 2016 guadagnava attorno ai 35 miliardi di euro l’anno.

L’Italia è, d’altronde, il quinto paese più visitato al mondo: secondo i dati provenienti dall’ultimo report statistico 2018 pubblicato dall’Organizzazione Mondiale del Turismo, sono 58,3 milioni gli stranieri che visitano il nostro Paese ogni anno. Se contiamo che siamo anche il Paese che ospita il più grande numero di siti protetti dall’Unesco al mondo e che siamo considerati uno dei Paesi più culturalmente influenti sul pianeta, dire che il turismo è quanto meno un fattore fondamentale per l’economia del Paese non è altro che un’ovvietà.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

Eppure, il trattamento riservato ai turisti di colore influenza senza dubbio il modo in cui migliaia di persone vedono il nostro paese.

“Qualche anno fa io e la mia famiglia siamo stati a Firenze, Roma, Napoli e in Sicilia. La gente ci ha chiamati negri e ha usato altri termini razzisti contro di noi mentre camminavamo per strada. I negozianti ci seguivano mentre eravamo al supermercato per controllarci. E, anche se abbiamo conosciuto anche delle persone molto gentili e accoglienti, il quantitativo massiccio di razzismo che abbiamo vissuto ci ha fatto decidere che non torneremmo mai più”, racconta la statunitense Samantha a TPI.

Dentro il Rojava, guerra di Siria

“Ma il peggio è successo in aeroporto, al ritorno verso casa. Un addetto della sicurezza ha umiliato mia madre perquisendola a fondo di fronte a tutti – toccandola anche tra le gambe – prima di lasciarci salire sull’aereo. Questa persona ha tolto tutte le cose che c’erano nella sua valigia, rompendo diversi souvenir nel mentre, per poi farle rimettere tutto dentro. È stata chiaramente scelta per il colore della pelle, dato che l’unica altra persona che ha subito lo stesso trattamento era un uomo di colore. Non ho visto nessun altro trattato in quel modo”.

“Io e mio cugino eravamo in vacanza in Italia, lui è nero, io sono meticcio. Siamo andati in  un club e siamo dovuti uscire dopo che gli addetti alla sicurezza hanno cominciato a chiamarci Balotelli”, ricorda invece il libanese Enzo.

“Eravamo in luna di miele a Roma e un tipo ci ha urlato contro, dall’altra parte della strada, OBAMA!”, risponde una programmatrice di colore. “Abbiamo dovuto convincere la nostra guida turistica che facevamo parte del tour. Non ci credeva e si rifiutava di guardare i nostri biglietti, al punto che abbiamo perso l’inizio del tour. Abbiamo dovuto chiamare la compagnia perché parlasse con la guida”.

La cantautrice Zayani Rose, che ha vissuto nel nostro paese per un anno, ha ricordi anche peggiori. “Mi è stato chiesto spesso, per strada, quanto costo – dando per scontato che fossi una prostituta. È successo sia a Roma, che a Bologna, Firenze e Viterbo”, spiega a TPI. “Mi hanno chiamata scimmia nera, e qualcuno ha tirato delle bottiglie di vetro contro me e la mia famiglia”.

Per l’inglese Adebayo Falana, il razzismo non è stato altrettando esplicito. Arrivato a Roma nell’ottobre 2018 insieme alla moglie nigeriana, racconta a TPI di aver notato un senso di superiorità da parte della gente del posto ad ogni interazione. “Una volta, su un treno verso Firenze, un controllore stava chiaramente ignorando le nostre domande e abbiamo dovuto alzare la voce perché ci prestasse attenzione. Anche andando al ristorante, diverse volte, abbiamo dovuto richiamare l’attenzione in modo plateale – soltanto quando si sono accorti che avevamo soldi da spendere hanno cominciato a darci retta”. Ci tiene a sottolineare, però, che sa che non tutti gli italiani sono così – “mi è soltanto rimasto impresso il fatto che, al giorno d’oggi, succedano ancora cose del genere”.

“La cosa più pericolosa che è una persona di colore può fare è dimenticarsi di essere una persona di colore – specialmente in posti che non sono loro familiari”, scrive l’autore Mateo Asakripour in un articolo in cui racconta di un’esperienza spiacevole a Firenze, nel 2010, per la serie Traveling While Black. Così, si moltiplicano – su YouTube, su TripAdvisor, sui tantissimi blog di viaggio che affollano il web e condividono le esperienze di turisti di tutto il mondo – i consigli, le storie, le aspettative deluse e i luoghi da evitare.